Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Coronavirus: rientro degli italiani, no a quarantena automatica, ma saranno tenuti sotto controllo  »Toti: "Cetrone? Non so chi sia". Ma ci sono le foto dei due abbracciati per un selfie  »Uova a rischio contaminazione di salmonella, ritirati altri lotti  »Influenza: complicanza rara, muore bimba 10 anni a Treviso  »Migranti, quarto soccorso di Open Arms. Orfini e Palazzotto: "Revocare subito Memorandum Italia-Libia"  »Crac Divina Provvidenza: condannati l'ex senatore Azzollini (Forza Italia) e suor Assunta Pezzullo  »Coronavirus: falso allarme per il caso a Napoli  »Il sogno degli hotel di lusso torna in Italia. Capofila Venezia  »Migranti, tutte le fake news di Matteo Salvini sul sequestro di persona. Ecco perché non può denunciare Conte e Lamorgese  »Taranto, blogger 19enne stroncata da un tumore. Il congedo ai follower di Benny: "Io mi perdono"  »Anzola dell'Emilia, nel Giorno della Memoria distrutte le targhe di due antifascisti  »Estorsione con metodo mafioso a imprenditori, arrestata ex consigliera regionale Gina Cetrone  »Salvini al citofono, inchiesta su un maresciallo dei carabinieri  »Giorgia Meloni ai pm: "Io vittima di stalking ho avuto paura per la mia bambina"  »Coronavirus, in Cina 132 morti. Oms: "Sviluppi preoccupanti", domani il primo rientro degli italiani  »Solidarietà a Segre e Repubblica Lettera di minacce al direttore  »Allerta smog, nuove misure antitraffico in 17 città in Piemonte, Lombardia e Veneto  »Taranto, insulti sessisti all'arbitra 16enne. Interviene il ministro: "Una vergogna"  »Prosciutto San Daniele, le nuove regole: meno sale e tempi di stagionatura più lunghi  »Prato, nove religiosi indagati per abusi su minori  

I Rom e la letteratura

Letteratura romanìLa grande produzione di poesia che accompagna il fiorire della letteratura romaní nella seconda metà del novecento e soprattutto negli ultimi trenta anni dimostra chiaramente che per i Rom, Sinti e Kalè la poesia è uno degli strumenti preferiti per comunicare.

Nonostante il progresso della scienza e della tecnologia questa etnia trasnazionale dimostra di prediligere il più antico e povero dei mezzi espressivi, ma certamente uno di quelli che lascia più spazio alla testimonianza, alla creatività, all'immaginazione. L'uso scritto della lingua romaní, tramandato per dieci secoli e fino a pochi decenni fa solo oralmente, è l'espressione più sorprendente di questa volontà di identità. Sono loro i pionieri della "terza via" ovvero l'altra possibilità di esistere senza dover essere nè assimilati, nè emarginati, ma soggetti attivi e liberi di esprimere le proprie specificità culturali in seno alle società ospitanti.

Trovare un proprio spazio è per gli zingari una sfida difficile ed insidiosissima giocata sulla propria pelle, una sfida che però può arrecare grandi vantaggi vista la grande opportunità di offrire il proprio patrimonio umano e culturale in un contesto multiculturale. Alcuni tra i migliori artisti Rom, Sinti e Kalè che hanno preso parte alle cinque edizioni del Concorso Artistico Internazionale "Amico Rom”:

Kana aven le tære ta atærdeon paÒa o gorî le paiesko ando zæleno cîmpo thai ceri oce astardeolpe o traio.
(Luminita Mihai Cioaba)

Traduzione: Quando arriva una carovana romaní lì, sulla riva del fiume in un campo verde e in cielo la natura stessa diviene cosa viva.

Tor vast phandime, ke dikhav len sas umblavde anda kala sastripen, ©irikle dukhaqe, phakha ©hinde
(Sterna Weltz Zigler)

Traduzione: Le tue mani intrappolate le vedevo appese tra questi ferri, uccelli di pena, ali mozzate

O Òil akharel mi godæqe te del andre k-o mo vogi. Okote maladœvav sa so kamav;
(Nicolás Jimènez Gonzáles)

Traduzione: Il vento freddo mi invita a riflettere a guardare la mia anima, qui trovo tutto ciò che cerco

Kana le tære anzardeon thaj le grast han e ©ear le Òeiora pínrandea prasten anda le væÒea tiden kaÒt ande-l ghilea. (Luminita Mihai ¢ioabæ)

Traduzione: Quando le tende sono alzate e i cavalli pascolano liberamente i nudi piedi corrono tra gli alberi riuniti i Rom cantano nel sottobosco

È poesia viva, genuina, spontanea con una profonda considerazione dei valori umani: l'amore per la vita è grande nonostante le sofferenze e le incomprensioni. È singolare il modo di "sentire" il mondo, la natura e l'umanità. Il mondo è minaccia e provoca tensioni, la natura significa per i poeti zingari essenzialmente sicurezza, mentre l'umanità è parte essenziale della vita a cui donare la propria cultura. La trasnazionalità di questa raccolta lo dimostra. Non è un caso, quindi, che la popolazione romaní sia trasnazionale e sia l'unica al mondo a non aver mai dichiarato guerra a nessun altro popolo, che non si sia mai affidato alle armi per rivendicare un territorio.

 

Suggerisci questo link tramite QR-Code
Qr Code
Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie