Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Migrante morto al Cpr di Gradisca, si indaga per omicidio volontario. Diffuso audio sul pestaggio  »Licata, il dirigente antiabusivismo torna al suo posto. "Riprenderò a far demolire le costruzioni illegali"  »Spaccio di droga, operazione a Roma: 21 arresti tra persone vicine alla 'ndrangheta  »Criminalità, maxi operazione della polizia a Foggia: perquisizioni e fermi  »La commissione antimafia negli Stati Uniti. “Un nuovo patto criminale fra Palermo e New York”  »Il mondo salvato dalle donne: sono loro le più ecologiste  »Dal mare tre sub morti e cento chili di hashish. Un giallo alla Camilleri  »Incidente all'alpinista Simone Moro sulle montagne del Karakorum: "A un soffio da un evento tragico"  »Ex Ilva, lettera a Conte dai Genitori Tarantini: "Il debito che lo Stato ha con Taranto non si salda con un'elemosina"  »Repubblica tutta da ascoltare: articoli, rubriche, storie, i nuovi podcast per gli abbonati  »Udine, trovata morta l'ex moglie del cantante Umberto Tozzi  »Volo Ryanair Bari-Pisa arriva con 4 ore di ritardo: la compagnia dovrà risarcire tre passeggeri pugliesi  »Tifoserie rivali, uomo investito muore nel Potentino  »Manfredonia, coppia di ragazzi finisce in mare con l'auto: in salvo a nuoto verso la banchina  »Foggia, cadavere carbonizzato trovato in campagna: forse è l'uomo scomparso da San Severo  »Venezia, la denuncia di una studentessa di origine cinese: "Insulti razzisti e sputi da due ragazzi sul treno"  »Bambini al ristorante, sì o no? La sfida tra locali children free e familiari: "Stiamo diventando troppo intolleranti"  »Roma, neonata rischia di soffocare: salvata da carabiniere fuori servizio. "Ho pianto di gioia"  »Reggio Emilia, vendono l'azienda e regalano un tesoretto ai dipendenti  »L’appello degli scout alle mamme dei clan: “Mandateci i vostri figli”  

Il linguaggio del sorriso

Il linguaggio del sorrisoTecnicamente, il sorriso viene prodotto stirando gli angoli della bocca e inarcando le labbra. Chi se lo può permettere, anche mostrando i denti. Tuttavia il sorriso non è solamente un'estensione della bocca perchè un vero sorriso comprende un po' tutta l'espressione del viso e quindi anche gli occhi.

Spesso infatti sono proprio gli occhi a fornire quella carica espressiva, quel messaggio comunicativo proprio allo sguardo e della sua profondità. Un vero sorriso è fatto spontaneamente, è istintivo e rende più sincero e profondo lo sguardo, mentre un sorriso forzato o di circostanza (come quelli che siamo abituati a fare quando siamo in posa per una foto) non cambia lo sguardo ma allarga solo la bocca. Quando si dice "ha sorriso con gli occhi" ci si riferisce proprio a questo.

Talvolta il sorriso diventa una risata, ma la forza espressiva e comunicativa, così come le circostanze che possono generarli, differiscono notevolmente come anche il messaggio di emozioni che si trasmette.

Il sorriso pertanto si usa per manifestare uno stato emotivo e quindi come strumento di comunicazione spontaneo. Se incanalato in un atteggiamento comportamentale o di circostanza (pensiamo alle persone del mondo dello spettacolo) diventa una forma convenzionale di approccio o di relazione. Saper riconoscere in un sorriso la sua spontaneità diventa dunque un modo per riconoscere stati d'animo e, perchè no, anche atteggiamenti di apertura o chiusura verso l'altro.

Il sorriso nei bambini, nel modo comune di osservarlo, rappresenta l'espressione della felicità. Anche quando i bambini disegnano le persone vengono rappresentate, seppur in maniera elementare, con il viso sorridente. Quando questo non accade, è segno che nella visione del bambino la persona rappresentata è ritenuta ostile. Nei bambini infatti il sorriso non viene appreso per imitazione ma è spontaneo e privo dei condizionamenti sociali. E' dunque uno dei modi che distingue l'essere umano da altre specie animali.

Se nei neonati quello che sembra un sorriso è uno stiramento delle labbra, successivamente viene provocato alla visione di un volto umano per poi acquistare un'ulteriore maturazione diventando una vera e propria espressione dell'individuo. Il sorriso, come il pianto, nei bambini è una forma di comunicazione esclusiva. Dopo i sei mesi circa di vita, il sorriso diventa una forma di socializzazione.


I bambini sono senza passato ed è questo tutto il mistero dell’innocenza magica del loro sorriso.
(Milan Kundera)

 
Suggerisci questo link tramite QR-Code
Qr Code
Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie