Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Torino, bimba muore dopo il parto: la procura indaga. La nonna: "Mia figlia era stanchissima, serviva il cesareo"  »Torino, il ministro Manfredi: "Piano da 400 milioni per l'edilizia universitaria e 1600 posti per ricercatori"  »Ex Ilva, a Taranto 3 esplosioni nell'acciaieria 2: nessun ferito. I sindacati: "Serve manutenzione"  »Dior sceglie Lecce per presentare la nuova collezione: sfilata in piazza Duomo il 9 maggio  »Pantera in libertà nel foggiano, 15 uomini le danno la caccia: "Forse fuggita da casa di un boss"  »Torna il caldo e arrivano le margherite  »Paestum, nasce un parco giochi a tema archeologico tra i templi  »La segretaria precaria dice che diventerà mamma, l'amministratore la assume  »Bari, partorisce in auto con l'aiuto dell'ostetrica: "Così in 20 chilometri è nata Sara"  »Disabili, il 'papà fortunato' da 100mila follower: 'Diamo uno stipendio ai caregiver'  »Dipendenti Asp al mare o alle slot, ma risultavano malati o al lavoro: 13 misure cautelari a Taurianova, nel Reggino  »Lucca, fiamme in casa: morta 14enne, ustionato il padre. La madre ferita in un incidente stradale  »Virus di Wuhan, l'allarme si allarga. Primo caso a Hong Kong  »Peste suina, sequestrate 10 tonnellate di carne cinese nascosta nel doppio fondo di un camion  »I soldi di Change al Governatore: indagine sulla Fondazione di Toti  »Salvini in tour al quartiere al Pilastro di Bologna citofona a un tunisino: "Lei spaccia?"  »Sarah Scazzi, 11 condanne per aver mentito agli investigatori: 4 anni a Michele Misseri, 5 anni a Ivano Russo  »Verbania, la tartaruga va dissequestrata ma è in letargo: bisogna aspettare che si svegli  »Termometri in picchiata fino a -27: l'inverno lampo ha gelato le Alpi piemontesi  »Milleproroghe, nel decreto spunta l'emendamento per la cannabis light  

Ricerca sul Ghetto di Terezin

Ingresso al GhettoTerezin (in tedesco Theresienstadt) è una città della Cecoslovacchia (oggi Repubblica Ceca) che servì da ghetto tra il 1941 e il 1945, per circa 140.000 ebrei ivi deportati dai nazisti dall’Europa Centrale ed Orientale. I nazisti concentrarono a Terezin tutti gli abitanti ebrei del Protettorato di Boemia-Moravia ed alcuni ebrei anziani, invalidi di guerra e persone illustri o in possesso di alte decorazioni al valor militare della prima guerra mondale, provenienti dalla Germania e da altri Paesi Occidentali.

I piani nazisti prevedevano di

trasferire gradatamente gli abitanti dal ghetto ai campi di sterminio e nascondere al mondo libero il fatto che la comunità ebraica europea fosse in procinto di essere sterminata, esibendo propagandisticamente Terezin come un “insediamento modello”.

Numerosi trasporti furono organizzati da Terezin verso vari campi della morte prima dell’ottobre 1942. Dopo tale data tutti i trasporti di deportati furono diretti ad Auschwitz in Polonia. Il totale delle vittime di Terezin ammonta a 140.937 ebrei, dei quali 33.529 morirono nel ghetto e 88.196 nei campi della morte e ad Auschwitz.

Donne dietro al reticolatoIl ghetto ebraico creato dai nazisti è un settore della città circondato da un muro di cinta destinato ad essere riempito di tutta la popolazione ebraica abitante nel circondario, oppure, come nel caso di Terezin, della popolazione ebraica dell’intera regione Boemia-Moravia. E’ una specie d’immensa prigione che serve da serbatoio per masse di ebrei destinati alla morte tramite periodici trasferimenti verso luoghi segretamente adibiti all’assassinio in Polonia chiamati campi della morte, più tardi sostituiti dal centro di sterminio di Auschwitz. Lo spazio del ghetto, così svuotato, viene continuamente riempito con nuovi arrivi di persone arrestate nella zona.

A Terezin, su un’area che aveva contenuto in precedenza 6-7.000 abitanti, fu stipata, per ondate successive, una popolazione cheDonne e bambini deportati raggiunse, nel 1942, 87.093 persone. Tra gli altri, anche Regina Jonas, la prima donna ordinata rabbino, fu tenuta qui prigioniera prima di essere deportata ad Auschwitz.

Il 9 maggio 1945 le forze sovietiche liberarono la città dall'occupazione nazista ed anche dopo la guerra Terezin è rimasta un insediamento militare fino al 1996. L'uscita di scena delle forze militari ha avuto un impatto negativo sull'economia locale. Terezín sta ancora cercando di superare il proprio passato militare per usufruire al meglio dell'attuale condizione di città libera.

 {facebookpopup}

Suggerisci questo link tramite QR-Code
Qr Code
Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Commenti   

0 # profile 2018-11-01 08:40
Need cheap hosting? Try webhosting1st, just $10 for an year.

Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie