Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Terremoto in Molise, nuova scossa di magnitudo 3 nella notte  »Sulmona, torna l'orsa Peppina: raid nel pollaio con i tre cuccioli  »Genova, commissione d'inchiesta Mit: probabili "concause" all'origine del crollo del ponte  »Monte Bianco, guide aggredite e risse nei rifugi: il sindaco si ribella ai "bulli d'alta quota"  »Matera, infermiera in pensione perseguita il marito e tenta di avvelenarlo: arrestata  »Scritte con minacce e insulti alla sede della Lega di Bergamo, Calderoli: ''Così ci scappa il morto''  »Nave Diciotti, la Farnesina chiede alla Commissione europea di risolvere il caso. Salvini: "L'Europa ci aiuti o rimanderemo migranti in Libia".  »Crollo Genova, le misure annunciate da Autostrade  »Versilia, polemiche per la "pagoda" in riva al mare. Il Pd: "Usata dalla Santanché, ma ha le autorizzazioni?"  »Autostrade: "Un fondo per le esigenze immediate e in 8 mesi un nuovo ponte". Governo: avanti con revoca concessione  »Pinerolo, il vescovo celebra i funerali della famiglia distrutta a Genova: "Proviamo tutti rabbia, troppe parole vane"  »Salento, troppi turisti: il sindaco chiude la Grotta della poesia. "Un tesoro delicato"  »Il viaggio fotografico nelle case sotto il ponte Morandi: "In cinquant'anni non è cambiato niente"  »Crollo ponte Genova, la lettera del Mit di contestazione di inadempienza a società Autostrade  »Torino, spunta un serpente sul marciapiede a San Salvario: "Andava a caccia di topi"  »Consiglio di Stato: "Aver subito furti in azienda non dà diritto al porto d'armi"  »Alle Molinette di Torino scoperto il "segreto del sonno": ecco il materasso che agisce sulla temperatura corporea  »Crollo ponte Morandi, Bagnasco ai funerali: "Uno squarcio nel cuore della città, Genova però non si arrende"  »Ponte crollato, famiglia di Oleggio trovata morta: erano gli ultimi dispersi piemontesi  »Torino, il senatore M5s Airola tenta il suicidio: salvato dalla sorella  

Brevi notizie sui gitani

{modal images/gitani-1-large.jpg|title=}Orchestrina gitana d'altri tempi{/modal}Quale sia il luogo d'origine del popolo zingaro (ammesso che gli zingari provengano da un unico luogo) è una questione a lungo dibattuta. La maggior parte degli studiosi ritiene essere una regione situata tra India e Pakistan attuali, che verso l'anno mille abbandonarono per sfuggire alle devastanti invasioni di Mahmud di Ghazni. Il principale argomento di tale tesi, comunque variamente circostanziata, è la derivazione indiana della loro lingua.

Non è tuttavia chiaro se la regione indiana sia stata il luogo di origine primitivo della cultura zingara oppure piuttosto una tappa intermedia di una migrazione più complessa, dal momento che tale cultura risulta radicalmente diversa da quelle dell'area indiana: si suppone quindi che debba avere una più antica origine allogena, ancora non identificata, portata da un misterioso popolo ivi migrato e successivamente mescolatosi con stirpi locali e indianizzato nel linguaggio.

La prima testimonianza scritta della presenza delle popolazioni romaní viene da un monaco georgiano, George Hucesmonazoni, del Monastero Iviron, sul monte Athos. In questo scritto viene raccontato un episodio avvenuto nel 1054, durante il regno di Costantino IX Monomaco, nel quale viene utilizzato il termine "atsincani".

L'origine della setta degli Athinganoi non è stata ancora datata per certa e di conseguenza non ci sono elementi per pensare che si trattasse{modal images/gitani-2-large.jpg|title=}Danze gitane{/modal} di precursori dell'esodo delle popolazioni rom.

Si ritiene che i primi immigrati di etnia rom e sinti siano arrivati in Italia nel 1392 come conseguenza della battaglia del Kosovo fra le armate ottomane e quelle serbo-cristiane: con la vittoria delle prime, si affermò l'influenza islamica nei Balcani.

Nei secoli successivi la presenza si consolida in tutto il mondo. Rom, Sinti, Kalé e Romanichals arriveranno ai nostri giorni superando persecuzioni di ogni genere: arresti di massa in Spagna nel XVIII secolo, la schiavitù in Romania (abolita solamente dopo il 1850), i campi di concentramento nazisti ed i sentimenti xenofobi sviluppatisi nell'epoca attuale.

Sebbene non esista uno schema generale della struttura sociale valido per tutte le etnie, si può affermare che fra gli zingari non esistano le classi sociali come si intendono comunemente. Le uniche distinzioni all'interno delle comunità sono quella tra i sessi (maschi - femmine) e quella basata sull'età (giovane - anziano). Dedite al lavoro sono generalmente le donne.

{modal images/gitani-3-large.jpg|title=}Rom dedita alla questua{/modal}La popolazione romaní normalmente adotta la religione praticata dalle popolazioni fra cui vivono.
I rom ed i sinti hanno la visione mitica di un mondo diviso tra forze oscure e contrarie, benefiche o malefiche, in perpetua lotta. Le due forze sono Dio e il diavolo. Dio creatore, principio del bene e il diavolo, principio del male, sono ambedue potenti e in lotta tra loro.

In Italia la popolazione zingara nel 2007 ammontava a circa 200.000 persone, di etnia rom e sinti.

  {facebookpopup}

Suggerisci questo link tramite QR-Code
Qr Code
Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie