Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Migrante morto al Cpr di Gradisca, si indaga per omicidio volontario. Diffuso audio sul pestaggio  »Licata, il dirigente antiabusivismo torna al suo posto. "Riprenderò a far demolire le costruzioni illegali"  »Spaccio di droga, operazione a Roma: 21 arresti tra persone vicine alla 'ndrangheta  »Criminalità, maxi operazione della polizia a Foggia: perquisizioni e fermi  »La commissione antimafia negli Stati Uniti. “Un nuovo patto criminale fra Palermo e New York”  »Il mondo salvato dalle donne: sono loro le più ecologiste  »Dal mare tre sub morti e cento chili di hashish. Un giallo alla Camilleri  »Incidente all'alpinista Simone Moro sulle montagne del Karakorum: "A un soffio da un evento tragico"  »Ex Ilva, lettera a Conte dai Genitori Tarantini: "Il debito che lo Stato ha con Taranto non si salda con un'elemosina"  »Repubblica tutta da ascoltare: articoli, rubriche, storie, i nuovi podcast per gli abbonati  »Udine, trovata morta l'ex moglie del cantante Umberto Tozzi  »Volo Ryanair Bari-Pisa arriva con 4 ore di ritardo: la compagnia dovrà risarcire tre passeggeri pugliesi  »Tifoserie rivali, uomo investito muore nel Potentino  »Manfredonia, coppia di ragazzi finisce in mare con l'auto: in salvo a nuoto verso la banchina  »Foggia, cadavere carbonizzato trovato in campagna: forse è l'uomo scomparso da San Severo  »Venezia, la denuncia di una studentessa di origine cinese: "Insulti razzisti e sputi da due ragazzi sul treno"  »Bambini al ristorante, sì o no? La sfida tra locali children free e familiari: "Stiamo diventando troppo intolleranti"  »Roma, neonata rischia di soffocare: salvata da carabiniere fuori servizio. "Ho pianto di gioia"  »Reggio Emilia, vendono l'azienda e regalano un tesoretto ai dipendenti  »L’appello degli scout alle mamme dei clan: “Mandateci i vostri figli”  

Vogliamo lo spread a ZERO!

Vogliamo lo spread a ZERO!E' notizia di ieri 25 febbraio 2016 che nella birra tedesca sono stati rinvenuti diserbanti ritenuti cancerogeni. E non si tratta di aziende del fai-da-te o di piccoli produttori, si tratta di grandi marche, conosciute in tutto il mondo.

Dopo lo scandalo della Volkswagen, marchio simbolo dell'industria germanica, messo a tacere grazie all'influenza politica della signora Merkel che tiene in mano le redini dell'Europa e con la complicità dei governi di Francia ed Italia, ci mancava solo lo scandalo della birra, altro prodotto simbolo made in Deutschland.

Ma cos'è successo esattamente? Leggendo i quotidiani nazionali di stamane (quelli che ne parlano ovviamente, non quelli "allineati") si apprende che l'Istituto per l'ambiente di Monaco, effettuando dei test su alcuni dei più prestigiosi marchi di produttori di birra, ha rilevato la presenza di una sostanza, il diserbante glifosato, utilizzato come diserbante in agricoltura.

Questo erbicida è stato classificato come "probabile cancerogeno per l'uomo" dall'organismo internazionale Iarc (International Agency for Research on Cancer).

Da wikipedia traiamo la seguente definizione del glifosato: "...è un diserbante sistemico di post-emergenza non selettivo (fitotossico per tutte le piante). A differenza di altri prodotti, viene assorbito per via fogliare (prodotto sistemico), ma successivamente traslocato in ogni altra posizione della pianta per via prevalentemente floematica. Questo gli conferisce la caratteristica di fondamentale importanza di essere in grado di devitalizzare anche gli organi di conservazione ipogea delle erbe infestanti, come rizomi, fittoni carnosi ecc., che in nessun altro modo potrebbero essere devitalizzati."

L'Italia è il paese che più di ogni altro al mondo utilizza il glifosato in agricoltura. Si calcola che ne vengano impiegati diverse tonnellate all'anno. Già, l'Italia, nazione così attenta (vien da ridere solo a scriverlo) ne utilizza tonnellate quando paesi considerati del "terzo mondo" lo proibiscono. Si pensi che è stato vietato nello Sri Lanka e ad El Salvador. In Europa invece solo una restrizione, nei Paesi Bassi, che vieta l'utilizzo per scopi privati consentendolo invece per scopi professionali (pensa un po'...).

Ovviamente le associazioni di Mastri Birrai tedeschi sono insorte contro questa notizia definendola "assurda". Ma assurdo è, signori miei, che continuiate a credervi padroni dell'Europa e delle sue regole. Ricordate che la guerra l'avete persa (anzi, le avete perse tutte e due), quindi toglietevi dagli zebedei, perchè noi vogliamo lo SPREAD A ZERO!!

E in ultimo, andate pure a quel paese voi ed il vostro OKTOBER FEST del menga. Non ci sono mai venuto per non lasciare una lira nelle vostre tasche e adesso, a maggior ragione, mi bevo la Birra di casa mia, prodotta a casa mia e anche se è fabbricata alla stessa maniera, almeno i soldi che spendo resteranno a casa mia.

 {facebookpopup}

Suggerisci questo link tramite QR-Code
Qr Code
Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie