Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Ferita dalle schegge di vetro di un barattolo Ikea, ragazza di Alassio chiede un maxi risarcimento  »Pirateria digitale, l'appello della Fieg: "Tutela contenuti editoriali è tutela libertà di stampa"  »Brindisi, stop a treni, aerei e auto per disinnescare la bomba del 1941. Da evacuare 53mila abitanti (su 88mila)  »Palermo, deputata di Italia Viva indagata per falso  »Potenza, anziano ruba cibo in un supermercato: carabinieri pagano il conto  »Sempre più morti per droga in Italia: 334 vittime nel 2018 (+12,8%)  »L'84% degli under 14 si iscrive ai social con età falsa. E non ne parla con mamma e papà  »Stuprata per anni da 7 ragazzi, lo sfogo del papà: "Loro liberi, noi costretti a lasciare il paese"  »Foggia, migranti bloccano accesso a ipermercato: sassi lanciati contro la polizia che risponde con lacrimogeni  »Strage di Corinaldo, la procura chiede il giudizio immediato per la banda dello spray  »Nebbia a Bari, aeroporto bloccato: cancellati decine di voli. Aerei in arrivo dirottati a Brindisi  »A26 Genova: riaprono i viadotti Pecetti sud e Fado nord  »Messina, famiglia di un tredicenne disabile via da casa per stalking: protesta Maria Grazia Cucinotta  »Comandante dei vigili aggredito da due pastori multati perché portano il gregge nelle strade di Capurso  »Firenze, violenta e segrega nel pollaio per un mese l'ex cognata: arrestato  »Autostrade estromessa dalla ricostruzione del Morandi: "Possibile vizio costituzionale, decida la Consulta"  »"Documenti, casa e diritti", i lavoratori migranti bloccano il porto di Gioia Tauro  »Torino, "Salvini baccalà": il nuovo sberleffo del Banksy torinese  »Fine settimana con il sole, poi arriva la neve  »Tortona: clochard trovato morto su una panchina della stazione, ucciso dal freddo  

Binge drinking - nome nuovo pericolo vecchio

Binge drinkingBinge drinking è la pratica di consumare grandi quantità di alcool in una sola seduta, di solito definita come cinque o più bevande in una sola volta per un uomo, o quattro o più bevande in una sola volta per una donna. Negli Stati Uniti circa il 90% del consumo di alcool da parte dei giovani di età inferiore ai 21 anni è in forma di binge drinking. Letteralmente tradotto, vuol dire "bevuta" (drinking) "della gozzoviglia" (binge).

Jasmine e Paolo sono due ragazzi (nomi di fantasia da loro stessi proposti) di 17 e 22 anni, con i quali abbiamo fatto quattro chiacchiere inducendoli a raccontare la loro esperienza. La pubblicazione di qualche passaggio è una sintesi di quanto ci è stato raccontato.

[Paolo]: "Mi abbandono al Binge drinking ogni volta che ne ho l'occasione e ad essere onesti, sono disgustato di me stesso, ma non posso controllare il mio desiderio di farlo. Se bevo troppo o bevo alcune bevande, perdo il fiato e mi compaiono macchie su tutto il corpo, ma io continuo a bere fino a quando sono talmente esausto che mi addormento. Purtroppo non sono sicuro di essere abbastanza forte per uscire da questa mia stupidità."

[Jasmine]: "Avevo circa 14 anni ed una sera, rimasta sola a casa perchè i miei erano usciti, ed ho cominciato a bere perchè mi sentivo sola. Ho cominciato a cercare da sola queste occasioni ed ogni volta che succedeva la mia unica preoccupazione era quella di bere. I problemi sono arrivati dopo."

[Paolo]: "Ho iniziato a capire che quando non ho potevo bere un drink avevo un senso di panico e iniziavo a tremare."

[Paolo]: "Adesso se dovessi andare in qualche festa senza poter bere almeno un drink, passerei la serata con tremori e sudorazione. Non riesco a stare per più di un paio d'ore senza un drink."

[Jasmine]: "L'anno scorso sono andato ad una festa che ero già ubriaca. Ho cercato un lato buio ed oscurato del pub e quando la festa è finita non riuscivo a ricordare come tornare a casa. Adesso mi vergogno a dirlo, ma credo di aver dormito con qualcuno dentro il locale. Quando mi hanno svegliata e buttata fuori era già mattivo e ancora adesso non riesco nemmeno a ricordare la persona con la quale ho trascorso la notte e con cui forse ho anche fatto sesso."

[Paolo]: "Ho distrutto due relazioni con due ragazze perché ho fatto loro troppo male a causa del mio bere. Però loro mi avevano conosciuto che ero già preda del binge drinking e forse volevano salvarmi, ma non ci sono riuscite."

[Jasmine]: "La mia famiglia sta molto male a causa mia. Sono la loro unica figlia e mi sto uccidendo apparentemente senza motivo."

La dipendenza da alcool (alcoolismo) consiste di quattro sintomi:

Craving - brama di bere: un forte bisogno, una necessità fisica, di bere.

Loss of control - la perdita di controllo: l'incapacità di limitarne il consumo in determinate occasione o di perdere il controllo delle proprie azioni/emozioni.

Physical dependence - la dipendenza fisica: sintomi di astinenza, come nausea, sudorazione, tremori e ansia, si verificano quando l'uso di alcool viene arrestato dopo un prolungato periodo di assunzione di alcool. 

Tolerance - tolleranza: la necessità di bere una maggiore quantità di alcool per ottenere effetti sempre più elevati. Un bevitore che beve sempre più pesantemente spesso dice che potrebbe fermarsi quando vuole, è lui stesso che "sceglie" di non farlo. L'alcoolismo non è la forma finale della malattia, ma una progressione, un lungo percorso di deterioramento in cui la vita peggiora continuamente.

Forme di dipendenza grave possono portare a sintomi di crisi di astinenza, con pericolo di vita. Le convulsioni a partire da otto a dodici ore dopo l'ultimo drink. Il delirium tremens (DT) inizia tre o quattro giorni dopo, in cui la persona diventa estremamente agitata, trema, ha allucinazioni e perde contatto con la realtà.

[Paolo]: "Quando ho iniziato a cercare di smettere di bere, mi sono reso conto che l'alcool era ormai padrone del mio corpo e non riuscivo a smettere. Se non bevevo iniziavo a tremare come se dovessi rompermi in mille pezzi, iniziavo a sudare, non riuscivo a pensare ad altro che a bere e questa sofferenza durava fino a quando non bevevo un altro drink."

[Jasmine]: "Ho iniziato da poco il processo di disintossicazione e già non ne posso più di ospedali e sedute psicoterapeutiche. Sto cercando di capire cosa mi è successo, come è stato possibile tutto questo. So che sarà molto dura ed è proprio questo l'incubo peggiore."

L'alcool uccide più adolescenti di tutti gli altri farmaci combinati. Si tratta di uno dei tre principali fattori di morte tra i 15 ei 24 anni di età: incidenti, omicidi e suicidi.

I giovani che bevono hanno circa il 75% di probabilità in più di usare altre droghe illegali e 50% in più di probabilità di far uso di cocaina, rispetto ai giovani che non hanno mai bevuto. Un sondaggio ha rilevato che il 32% dei bevitori pesanti oltre 12 anni erano anche consumatori di droghe illegali.

Nel 2015, il 6,6% della popolazione degli Stati Uniti di età compresa tra 12 anni o più, 16 milioni di persone, ha riferito di bere pesantemente (binge drinking almeno cinque giorni negli ultimi trenta giorni). Dei 3,9 milioni di americani che hanno ricevuto il trattamento per un problema di abuso di sostanze nel 2015, 2,5 milioni sono stati trattati per l'uso di alcool.

I decessi per incidenti stradali determinati dall'abuso di alcool negli Stati Uniti sono stati circa 15.000 ogni anno. Un numero di tre volte maggiore il numero di soldati americani morti in combattimento nei primi sei anni di guerra in Iraq.

Ci sono 1,4 milioni di arresti per guida in stato di ubriachezza negli Stati Uniti ogni anno. Da uno studio del Dipartimento di Giustizia è emerso che ben il 40% dei crimini violenti si verificano sotto l'influenza di alcool. Negli ultimi anni in Inghilterra ci sono stati circa 200.000 ricoveri ospedalieri all'anno legati all'abuso di alcool, con circa 6.500 decessi all'anno per cause ad esso riconducibili.

Secondo uno studio, dei 490 milioni di persone nell'Unione europea, più di 23 milioni sono dipendenti da alcool. In Europa, l'alcool contribuisce a quasi uno su dieci di tutti i casi di malattia e morti premature ogni anno. Il 39% di tutte le morti per incidente automobilistico ed il 40% dei crimini violenti avviene sotto l'influenza di alcool.

In ragione del livello di dipendenza, l'alcool può causare:

biascicamento, sonnolenza, vomito, diarrea, disturbi di stomaco, mal di testa, difficoltà respiratorie, visione distorta e perdita dell'udito, giudizio alterato, difficoltà di percezione e di coordinamento motorio, incoscienza, anemia (perdita di globuli rossi), coma, vuoti di memoria.

Gli effetti a lungo termine di binge drinking e l'uso continuato di alcool in grande quantità sono associati con molti problemi di salute, tra cui:

la pressione alta, ictus e altre malattie cardiologiche, malattia del fegato, danno al sistema nervoso, problemi sessuali, danni permanenti al cervello.

La carenza di vitamina B1 può portare a una malattia caratterizzata da amnesia, apatia e disorientamento, ulcere, gastrite, malnutrizione, cancro della bocca e della gola.

[Paolo]: "Ho costruito la mia dipendenza in modo costante, giorno dopo giorno, festa dopo festa e prima di rendermi conto, ero già gravemente ammalato."

[Jasmine]: "Quando decisi di smettere di bere rimasi sveglia la maggior parte di quella notte e da mezzogiorno del giorno successivo ogni osso del mio corpo mi faceva male. In preda al panico cieco, ho nervosamente versato un bicchiere pieno di gin, ma le mie mani tremavano così tanto e così violentemente che ho versato mezza bottiglia. Appena mandai quel bicchiere di gin sentì l'agonia diminuire gradualmente. Poi ho finalmente capito la terribile verità: ero alcolizzata, non riuscivo a smettere."

L'alcool può danneggiare il feto in qualsiasi fase della gravidanza, ma è più grave nei primi mesi. Vi è il rischio di difetti alla nascita correlati all'alcool, tra cui le carenze di crescita, anomalie facciali e danni al cervello e al sistema nervoso.

L'alcool ha causato la morte di molti artisti di talento, musicisti e scrittori nel corso degli ultimi decenni. Questi sono solo alcuni:

John Bonham (1948 - 1980): eccesso di alcool batterista dei Led Zeppelin conosciuto come John "Bonzo" Bonham, di cui è rimasto nella storia il suo assolo di batteria nella canzone "Moby Dick".

Steve Clark (1960 - 1991,): Chitarrista a Def Leppard. Un forte bevitore, è morto nella sua casa di Londra per una combinazione letale di alcool e droghe.

Michael Clarke (1946 - 1993,): musicista americano, batterista dei The Byrds. Morì di insufficienza epatica dopo tre decenni di consumo di alcool.

Brian Connolly (il 1945 - 1997): scozzese. Il suo problema con l'alcool gli ha fatto lasciare la band nel 1978; ha ritrovato anni dopo, ma il suo bere aveva danneggiato la sua salute e morì di insufficienza epatica nel 1997.

Oliver Reed (1938 - 1999): l'attore britannico è morto per un improvviso attacco di cuore durante una pausa dalle riprese Gladiator. Aveva finito di bere 3 bottiglie di rum, 8 bottiglie di birra e numerosi doppi di whisky.

Amy Jade Winehouse (1983 – 2011): sebbene non effettivamente accertato, pare che la cantante inglese sia morta a causa dell'abuso di alcool, forse anche droghe.

Una campagna promossa da Anas e Polizia di Stato

Eppure il grano fermentato, il succo di frutta ed il miele, sono stati utilizzati per preparare l'alcool (alcool etilico o etanolo) per migliaia di anni.

Bevande fermentate esistevano nella civiltà egizia e ci sono prove di una bevanda alcoolica che veniva preparata in Cina intorno al 7000 AC. In India, una bevanda alcoolica chiamata sura, distillata dal riso, era in uso tra il 3000 e il 2000 AC.

I Babilonesi adoravano una dea del vino e già nel 2700 AC in Grecia, una delle prime bevande alcooliche a guadagnare popolarità fu l'idromele, una bevanda fermentata a base di miele e acqua. La Letteratura greca è piena di avvertimenti contro il bere eccessivo.

Diverse civiltà di nativi americani hanno sviluppato bevande alcooliche in era precolombiana. Una varietà di bevande fermentate dalla regione delle Ande e del Sud America sono state create da mais, uva o mele, chiamate "chicha".

Nel XVI secolo, l'alcool (chiamati "spiriti") è stato utilizzato in gran parte per scopi medicinali. All'inizio del XVIII secolo, il parlamento britannico approvò una legge per incoraggiare l'uso di grano per la distillazione di spiriti. Gli "spiriti economici" invasero il mercato e raggiunsero il picco a metà del XVIII secolo. In quegli anno in Gran Bretagna, il consumo di gin raggiunse i 18 milioni di galloni e si diffuse l'alcoolismo.

Nel XIX secolo l'uso moderato di alcool portò, nel 1920, al divieto totale, ed una legge degli Stati Uniti vietò la fabbricazione, vendita, importazione ed esportazione di liquori inebrianti. Il commercio illegale di alcool tuttavia esplose e nel 1933 la legge venne abrogata.

Da Wikipedia leggiamo la seguente situazione di casa nostra:

"In Italia sussiste ancora una forte cultura alcolista. I giovani sono prematuramente iniziati al consumo di alcolici, anche sotto forma di dolci con dirette ricadute sulla salute, sull'economia e sul lavoro. Mai quanto in questo caso è richiesto un impegno di tutti i settori produttivi e politici per far fronte all'emergenza: tramite le forze di polizia per prevenire le sofisticazioni, es. del metanolo e altri additivi; tramite l'agricoltura per migliorare la qualità dei prodotti ed eliminare le partite scadenti ed invendute; tramite i mass media si tratta di limitare la pubblicità specialmente dei superalcolici; tramite l'ambiente si tratta di promuovere la raccolta differenziata in modo da riciclare i contenitori inutilizzati delle bevande.

Efficaci strategie per ridurre il binge drinking, quindi, sono: aumentare l'attenzione pubblica e diffondere informazioni sui rischi derivati dal fenomeno, magari conducendo inchieste dai dipartimenti di emergenza sul comportamento pericoloso e persuadere i giovani ad accettare counselling individuali o in gruppo, incoraggiare le attività di ricreazione come ad es. discipline fisiche e competizioni sportive, la previsione di programmi educativi, l'assistenza specialistica ed il tutoring."

 {facebookpopup}

Suggerisci questo link tramite QR-Code
Qr Code
Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie