Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Migrante morto al Cpr di Gradisca, si indaga per omicidio volontario. Diffuso audio sul pestaggio  »Licata, il dirigente antiabusivismo torna al suo posto. "Riprenderò a far demolire le costruzioni illegali"  »Spaccio di droga, operazione a Roma: 21 arresti tra persone vicine alla 'ndrangheta  »Criminalità, maxi operazione della polizia a Foggia: perquisizioni e fermi  »La commissione antimafia negli Stati Uniti. “Un nuovo patto criminale fra Palermo e New York”  »Il mondo salvato dalle donne: sono loro le più ecologiste  »Dal mare tre sub morti e cento chili di hashish. Un giallo alla Camilleri  »Incidente all'alpinista Simone Moro sulle montagne del Karakorum: "A un soffio da un evento tragico"  »Ex Ilva, lettera a Conte dai Genitori Tarantini: "Il debito che lo Stato ha con Taranto non si salda con un'elemosina"  »Repubblica tutta da ascoltare: articoli, rubriche, storie, i nuovi podcast per gli abbonati  »Udine, trovata morta l'ex moglie del cantante Umberto Tozzi  »Volo Ryanair Bari-Pisa arriva con 4 ore di ritardo: la compagnia dovrà risarcire tre passeggeri pugliesi  »Tifoserie rivali, uomo investito muore nel Potentino  »Manfredonia, coppia di ragazzi finisce in mare con l'auto: in salvo a nuoto verso la banchina  »Foggia, cadavere carbonizzato trovato in campagna: forse è l'uomo scomparso da San Severo  »Venezia, la denuncia di una studentessa di origine cinese: "Insulti razzisti e sputi da due ragazzi sul treno"  »Bambini al ristorante, sì o no? La sfida tra locali children free e familiari: "Stiamo diventando troppo intolleranti"  »Roma, neonata rischia di soffocare: salvata da carabiniere fuori servizio. "Ho pianto di gioia"  »Reggio Emilia, vendono l'azienda e regalano un tesoretto ai dipendenti  »L’appello degli scout alle mamme dei clan: “Mandateci i vostri figli”  

Norme in materia ambientale

Divieto mozziconi a terraL'art. 40 della legge n. 221 del 2015, ha modificato il decreto legislativo n. 152 del 2006, recante "Norme in materia ambientale", introducendo: l'art. 232-bis (Rifiuti prodotti da fumo), che sancisce, tra l'altro, il divieto di abbandono di mozziconi dei prodotti da fumo sul suolo, nelle acque e negli scarichi.

Nello stesso decreto viene indicata anche:

la competenza dei Comuni all'installazione nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale, di contenitori per la raccolta dei mozziconi dei prodotti da fumo;

l'organizzazione, a cura dei produttori di tabacchi ed in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di campagne di informazione, finalizzate a sensibilizzare i consumatori sulle conseguenze nocive per l'ambiente, derivanti dall'abbandono dei mozziconi dei prodotti da fumo.

L'art. 232-ter (Divieto di abbandono di rifiuti di piccolissime dimensioni), vieta altresì l'abbandono sul suolo, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi, di rifiuti di piccolissime dimensioni, quali scontrini fiscali, fazzoletti di carta e gomme da masticare, al fine di preservare il decoro urbano dei centri abitati e limitare gli impatti negativi conseguenti alla loro dispersione incontrollata nell'ambiente.

La norma inserisce altresì il comma 1-bis dell'art. 255 del decreto legislativo n. 152, prevedendo la sanzione amministrativa pecuniaria da 30 a 150 euro per la violazione del divieto di cui all'art. 232-ter, aumentata fino al doppio per la violazione del divieto di cui all'art. 232-bis.

Gli articoli 262 del decreto legislativo n. 152 e 13 della legge n. 689 del 1981 individuano quali soggetti accertatori delle violazioni anche gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria.

I proventi delle sanzioni amministrative irrogate sono destinati (art. 263, co. 2-bis), nella misura del 50%, al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con l'obiettivo di installare appositi contenitori di rifiuti e promuovere campagne di informazione; per il restante 50% ai Comuni nel cui territorio sono state accertate le violazioni, per collocare specifici raccoglitori, per realizzare attività di sensibilizzazione e per la pulizia del sistema fognario urbano.

Riusciremo ad osservare il divieto? In molte altre città europee tali divieti esistono da tempo e sono ben osservati anche da noi italiani (si sa, l'italiano all'estero generalmente si civilizza), ma soprattutto la loro osservanza è ben controllata dalle forze di polizia.

In Italia hanno fatto la legge ed hanno imposto le sanzioni, ma se nessuno controllerà mai, a cosa servirà?

 

Suggerisci questo link tramite QR-Code
Qr Code
Una campagna promossa da Anas e Polizia di Stato
Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie