Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Il dirigente antiabusivismo torna al suo posto. "Riprenderò a far demolire le costruzioni illegali"  »Spaccio di droga, operazione a Roma: 21 arresti tra persone vicine alla 'ndrangheta  »Criminalità, maxi operazione della polizia a Foggia: perquisizioni e fermi  »La commissione antimafia negli Stati Uniti. “Un nuovo patto criminale fra Palermo e New York”  »Il mondo salvato dalle donne: sono loro le più ecologiste  »Dal mare tre sub morti e cento chili di hashish. Un giallo alla Camilleri  »Incidente all'alpinista Simone Moro sulle montagne del Karakorum: "A un soffio da un evento tragico"  »Ex Ilva, lettera a Conte dai Genitori Tarantini: "Il debito che lo Stato ha con Taranto non si salda con un'elemosina"  »Repubblica tutta da ascoltare: articoli, rubriche, storie, i nuovi podcast per gli abbonati  »Udine, trovata morta l'ex moglie del cantante Umberto Tozzi  »Volo Ryanair Bari-Pisa arriva con 4 ore di ritardo: la compagnia dovrà risarcire tre passeggeri pugliesi  »Tifoserie rivali, uomo investito muore nel Potentino  »Manfredonia, coppia di ragazzi finisce in mare con l'auto: in salvo a nuoto verso la banchina  »Foggia, cadavere carbonizzato trovato in campagna: forse è l'uomo scomparso da San Severo  »Venezia, la denuncia di una studentessa di origine cinese: "Insulti razzisti e sputi da due ragazzi sul treno"  »Bambini al ristorante, sì o no? La sfida tra locali children free e familiari: "Stiamo diventando troppo intolleranti"  »Roma, neonata rischia di soffocare: salvata da carabiniere fuori servizio. "Ho pianto di gioia"  »Reggio Emilia, vendono l'azienda e regalano un tesoretto ai dipendenti  »L’appello degli scout alle mamme dei clan: “Mandateci i vostri figli”  »Cadavere di una donna recuperato nel lago di Iseo  

Impetigine

images/stories/disturbi/impetigine.gif
L’impetigine è una malattia infettiva della pelle, causata da microrganismi molto diffusi. La malattia non deve destare eccessive preoccupazioni perché, se si interviene subito, è molto facile da curare. È però piuttosto contagiosa e provoca epidemie negli asili e tra i membri della famiglia.

Come si manifesta
All’inizio si forma una vescicola, di solito sul viso, che nel giro di poche ore diventa rossa, trasuda e si ricopre di una crosta giallastra. Altre vescicole appaiono in seguito sulle braccia, sul torace e nell’incavo delle ascelle. Se non si interviene, l’infezione si diffonde e le lesioni diventano profonde.

Le cause più frequenti
L’impetigine colpisce per lo più i bambini al di sotto dei cinque anni. Spesso il contagio avviene sulla spiaggia a contatto con il terreno, in occasione di mareggiate che portano con sé i microrganismi presenti nelle acque inquinate. L’infezione è dovuta allo stafilococco aureo e, a volte, allo streptococco, due microrganismi molto comuni.

Quando rivolgersi al medico
Il ricorso al medico è necessario qualora l’infezione sia molto diffusa e le lesioni profonde.

Come si affronta

Con misure igieniche

Appena appaiono le bolle è bene ricoprire la zona con garze sterili. In questo modo si evita che il bambino, toccandosi, diffonda l’infezione. Per lo stesso motivo è anche consigliabile tagliare le unghie molto corte. L’impetigine è contagiosa finché vi sono le vescicole sulla pelle. Durante questo periodo è quindi indispensabile non scambiare asciugamani e lenzuola con altre persone.
Non è però necessario isolare il piccolo: per non diffondere l’infezione è sufficiente evitare i bagni e non portarlo in spiaggia o all’asilo.

Con la fitoterapia
Eseguite ogni giorno frequenti impacchi sulle zone colpite con una garza imbevuta in una miscela composta da 200 ml di acqua e da 5 gocce di tintura madre di calendula, fino a miglioramento.

Con l’aromaterapia
Mettete 30 gocce di olio essenziale di tea tree in 50 ml di olio di mandorle dolci. Alla sera, prima che il bambino vada a letto, ungete le lesioni e lasciate agire per tutta la notte. Le applicazioni vanno eseguite fino a miglioramento.

Con l’omeopatia
Per quanto riguarda i rimedi omeopatici, si consiglia di consultare un omeopata: le varie scuole, infatti, non sono concordi nel definire il tipo di diluizione e, quindi, il dosaggio.
Prima di una visita medica è preferibile evitare di autoprescriversi farmaci omeopatici per non modificare il quadro dei sintomi. Nel caso in cui ci si trovi di fronte a infezione da impetigine e non si riesca a contattare il medico, si consigliano i seguenti seguenti rimedi da adottare nelle prime 48 ore.

In caso di bolle piccole accompagnate da prurito: Rhus toxicodendron 5CH, 4 granuli, tre volte al giorno per tre giorni, ripetendo il ciclo se necessario. Oppure Rhus toxicodendron D12, 4 gocce, tre volte al giorno per tre giorni, ripetendo il ciclo se necessario.

Per croste sul viso di colore marrone e con fuoriuscita di liquido denso e giallastro: Graphites 5CH, 4 granuli tre volte al giorno per tre giorni, ripetendo il ciclo se necessario. Oppure Graphites D12, 4 gocce, tre volte al giorno per tre giorni, ripetendo il ciclo se necessario.

Per pustole sulla testa e lesioni che producono pus: Mezereum 5CH, 4 granuli, tre volte al giorno per tre giorni, ripetendo il ciclo se necessario. Oppure Mezereum D12, 4 gocce, tre volte al giorno per tre giorni, ripetendo il ciclo se necessario.


Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie