Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Torino, bimba muore dopo il parto: la procura indaga. La nonna: "Mia figlia era stanchissima, serviva il cesareo"  »Torino, il ministro Manfredi: "Piano da 400 milioni per l'edilizia universitaria e 1600 posti per ricercatori"  »Ex Ilva, a Taranto 3 esplosioni nell'acciaieria 2: nessun ferito. I sindacati: "Serve manutenzione"  »Dior sceglie Lecce per presentare la nuova collezione: sfilata in piazza Duomo il 9 maggio  »Pantera in libertà nel foggiano, 15 uomini le danno la caccia: "Forse fuggita da casa di un boss"  »Torna il caldo e arrivano le margherite  »Paestum, nasce un parco giochi a tema archeologico tra i templi  »La segretaria precaria dice che diventerà mamma, l'amministratore la assume  »Bari, partorisce in auto con l'aiuto dell'ostetrica: "Così in 20 chilometri è nata Sara"  »Disabili, il 'papà fortunato' da 100mila follower: 'Diamo uno stipendio ai caregiver'  »Dipendenti Asp al mare o alle slot, ma risultavano malati o al lavoro: 13 misure cautelari a Taurianova, nel Reggino  »Lucca, fiamme in casa: morta 14enne, ustionato il padre. La madre ferita in un incidente stradale  »Virus di Wuhan, l'allarme si allarga. Primo caso a Hong Kong  »Peste suina, sequestrate 10 tonnellate di carne cinese nascosta nel doppio fondo di un camion  »I soldi di Change al Governatore: indagine sulla Fondazione di Toti  »Salvini in tour al quartiere al Pilastro di Bologna citofona a un tunisino: "Lei spaccia?"  »Sarah Scazzi, 11 condanne per aver mentito agli investigatori: 4 anni a Michele Misseri, 5 anni a Ivano Russo  »Verbania, la tartaruga va dissequestrata ma è in letargo: bisogna aspettare che si svegli  »Termometri in picchiata fino a -27: l'inverno lampo ha gelato le Alpi piemontesi  »Milleproroghe, nel decreto spunta l'emendamento per la cannabis light  

Il topo di città e il topo di campagna


Un sorcio, che in città facea sua vita, vide un dì il cielo placido e lucente. Questo ad uscire e a passeggiar l'invita alla campagna ed a fuggir la gente. E mentre in parte ombrosa e assai romita si gode, e nulla fuor che l'aura sente, con passo onesto e faccia assai tranquilla gli venne incontro un topolin di villa.

 Con somma cortesia fan le abbracciate, diconsi ben venuto e ben trovato: fin che il sorcio di villa disse: - Entrate meco in un bucolin da questo lato: certo vogl'io che un bocconcel mangiate, e siate del cammino ristorato. - Così gli dice, e seco li conducea nel bucolin che per albergo avea. Quivi il povero sorcio contadino con noci e poma e pere ed altre frutte fàgli accoglienza come a un suo cugino ma perde le fatiche e l'opre tutte; poi che al sorcio gentile cittadino paion quelle vivande vili e brutte; nessuna di sé degna tien che sia, onde le assaggia sol per cortesia.

E su 'l partirsi con gentil parlare dissegli: - Amico, deh! Fammi un piacere io t'attendo doman meco a pranzare: sto nel tal loco: addio: viemmi a vedere. - Vassene; e l'altro, che solea mangiare spesso radici e gli parea godere, ritrova il cittadino a grande onore star nella guardaroba d'un signore.

La casa ivi parea dell'abbondanza: cacio, prosciutti, salsicce e salami, olio e butirro v'è sì che n'avanza, roba per mille seti e mille fami. E' ricevuto con gentil creanza; e perché a suo piacer mangi e si sfami, tosto senza aspettar desco o tovaglia, assalgon tutti e due la vettovaglia. Ma una gatta miagolar si sente, onde si credon morti e rovinati: fuggono tosto, e cascan lor dal dente i cibi saporiti e delicati. Passato il rischio vanno incontinente alla lor mensa, ed eccogli assettati: ma ecco un cuoco apre la serratura e si rimpiattan pieni di paura.

La terza volta tornano a sedere: la terza volta ancor credon morire, perch'entra nella stanza uno staffiere che gli fa dalla tavola fuggire. Tornan la quarta e speran di godere; ma una femminetta ecco venire, onde di su e giù vengono e vanno, con sospetto ogni volta e con affanno. Il sorcio villanel, che ognora visse felicemente e cheto nella sua campagna, e cupidigia o tema non l'afflisse, e vede or morte ogni boccon che magna, prese licenza e in tal guisa gli disse: - la tua gran mensa il cor non mi guadagna.

Ti dico il vero: a me, fratel, non piace tanta abbondanza e non aver mai pace.

di Gasparo Gozzi (Venezia 1713 - Padova 1783)

Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie