Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Gesù nero nel presepe a scuola: proteste dei leghisti a Pordenone  »Greta Thunberg in piazza con i ragazzi dei Fridays For Future: "Felice di essere qui"  »Rimborsopoli al Comune di Catanzaro, indagati 29 consiglieri su 32  »Ex Ilva, il giudice firma lo stop dell'Altoforno: al via ultimo giorno di attività, poi lo spegnimento  »Traffico illecito di rifiuti plastici verso la Cina, perquisizioni del Noe di Bologna in tutta Italia  »Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"  »Maltempo, arriva la tempesta di Santa Lucia: scuole chiuse a Roma e Napoli, neve a Milano  »Biotestamento: ecco la mappa di chi ha deciso sul suo fine vita  »Allerta meteo, a Napoli scuole chiuse venerdì 13 dicembre  »Bello Figo rimuove da Youtube il video hot girato all'università di Pisa  »Da Nizza alla Calabria: la fuga d'amore di due 14enni francesi finisce sulla Sila  »'Ndrangheta in Umbria: i piani delle cosche per pilotare la politica  »“L’anno che verrà”, un libro per scoprire i temi chiave del 2020  »Cannabis light, via libera alla vendita se il thc è sotto lo 0,5%  »Titolo sessista contro Virginia Raggi, Vittorio Feltri a processo per diffamazione  »Unesco: alpinismo inserito nella lista dei beni immateriali  »Padova, uomo sbranato dai suoi Rottweiler  »No al sequestro del profilo Twitter per il prof di Siena che ha elogiato Hitler  »Accolto il ricorso di CasaPound: il giudice ordina a Facebook di riattivare la pagina  »Le mani dell'ndrangheta sull'Umbria: 27 arresti, sequestrati beni per 10 milioni  

Il topo di città e il topo di campagna


Un sorcio, che in città facea sua vita, vide un dì il cielo placido e lucente. Questo ad uscire e a passeggiar l'invita alla campagna ed a fuggir la gente. E mentre in parte ombrosa e assai romita si gode, e nulla fuor che l'aura sente, con passo onesto e faccia assai tranquilla gli venne incontro un topolin di villa.

 Con somma cortesia fan le abbracciate, diconsi ben venuto e ben trovato: fin che il sorcio di villa disse: - Entrate meco in un bucolin da questo lato: certo vogl'io che un bocconcel mangiate, e siate del cammino ristorato. - Così gli dice, e seco li conducea nel bucolin che per albergo avea. Quivi il povero sorcio contadino con noci e poma e pere ed altre frutte fàgli accoglienza come a un suo cugino ma perde le fatiche e l'opre tutte; poi che al sorcio gentile cittadino paion quelle vivande vili e brutte; nessuna di sé degna tien che sia, onde le assaggia sol per cortesia.

E su 'l partirsi con gentil parlare dissegli: - Amico, deh! Fammi un piacere io t'attendo doman meco a pranzare: sto nel tal loco: addio: viemmi a vedere. - Vassene; e l'altro, che solea mangiare spesso radici e gli parea godere, ritrova il cittadino a grande onore star nella guardaroba d'un signore.

La casa ivi parea dell'abbondanza: cacio, prosciutti, salsicce e salami, olio e butirro v'è sì che n'avanza, roba per mille seti e mille fami. E' ricevuto con gentil creanza; e perché a suo piacer mangi e si sfami, tosto senza aspettar desco o tovaglia, assalgon tutti e due la vettovaglia. Ma una gatta miagolar si sente, onde si credon morti e rovinati: fuggono tosto, e cascan lor dal dente i cibi saporiti e delicati. Passato il rischio vanno incontinente alla lor mensa, ed eccogli assettati: ma ecco un cuoco apre la serratura e si rimpiattan pieni di paura.

La terza volta tornano a sedere: la terza volta ancor credon morire, perch'entra nella stanza uno staffiere che gli fa dalla tavola fuggire. Tornan la quarta e speran di godere; ma una femminetta ecco venire, onde di su e giù vengono e vanno, con sospetto ogni volta e con affanno. Il sorcio villanel, che ognora visse felicemente e cheto nella sua campagna, e cupidigia o tema non l'afflisse, e vede or morte ogni boccon che magna, prese licenza e in tal guisa gli disse: - la tua gran mensa il cor non mi guadagna.

Ti dico il vero: a me, fratel, non piace tanta abbondanza e non aver mai pace.

di Gasparo Gozzi (Venezia 1713 - Padova 1783)

Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie