Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Coronavirus: rientro degli italiani, no a quarantena automatica  »Toti: "Cetrone? Non so chi sia". Ma ci sono le foto dei due abbracciati per un selfie  »Uova a rischio contaminazione di salmonella, ritirati altri lotti  »Influenza: complicanza rara, muore bimba 10 anni a Treviso  »Migranti, quarto soccorso di Open Arms. Orfini e Palazzotto: "Revocare subito Memorandum Italia-Libia"  »Crac Divina Provvidenza: condannati l'ex senatore Azzollini (Forza Italia) e suor Assunta Pezzullo  »Coronavirus: falso allarme per il caso a Napoli  »Il sogno degli hotel di lusso torna in Italia. Capofila Venezia  »Migranti, tutte le fake news di Matteo Salvini sul sequestro di persona. Ecco perché non può denunciare Conte e Lamorgese  »Taranto, blogger 19enne stroncata da un tumore. Il congedo ai follower di Benny: "Io mi perdono"  »Anzola dell'Emilia, nel Giorno della Memoria distrutte le targhe di due antifascisti  »Estorsione con metodo mafioso a imprenditori, arrestata ex consigliera regionale Gina Cetrone  »Salvini al citofono, inchiesta su un maresciallo dei carabinieri  »Giorgia Meloni ai pm: "Io vittima di stalking ho avuto paura per la mia bambina"  »Coronavirus, in Cina 132 morti. British Airways sospende voli, domani il primo rientro degli italiani  »Solidarietà a Segre e Repubblica Lettera di minacce al direttore  »Allerta smog, nuove misure antitraffico in 17 città in Piemonte, Lombardia e Veneto  »Taranto, insulti sessisti all'arbitra 16enne. Interviene il ministro: "Una vergogna"  »Prosciutto San Daniele, le nuove regole: meno sale e tempi di stagionatura più lunghi  »Prato, nove religiosi indagati per abusi su minori  

Scuola inglese in Italia: perché l’apprendimento precoce dell’inglese è importante

Scuola inglese in ItaliaL’inglese come sappiamo tutti è il passepartout per il futuro e fa parte del bagaglio di conoscenze che sempre più spesso le aziende richiedono ai loro dipendenti, anche in settori dove fino a qualche decennio fa la sola conoscenza dell’italiano era sufficiente per permettere a chiunque una carriera.Cosa posso fare allora i genitori per aiutare i propri figli sin da piccoli ad imparare l’inglese?

 

Sono già in molti gli adulti che scelgono di approcciare l’inglese attraverso delle lezioni inglese bambini personalizzate, da far fare individualmente o in piccoli gruppi, presso centri specializzati nell’insegnamento ai ragazzi molto giovani, che sviluppano i programmi di apprendimento in collaborazione con insegnanti madrelingua inglese o insegnanti bilingue.

L’apprendimento della lingua inglese in età precoce (0-8 anni) è una scelta strategica, dato che tutti gli stimoli che la mente del bambino riceve in questo determinato arco temporale, se rafforzati dall’esperienza negli anni successivi, diventeranno informazioni consolidate nella mente anche nel periodo adulto. La scelta di far imparare la lingua inglese ai bambini già da piccoli è quindi certamente un plus, che potrà avvantaggiare i nostri ragazzi nell’apprendimento della lingua, sia a livello scolastico che universitario e poi lavorativo.

Il detto “chi ben comincia è a metà dell’opera” cade proprio a pennello in questo caso, dato che dall’apprendimento dell’inglese in tenera età, può derivare un concreto vantaggio nell’età adulta, dove sappiamo tutti che invece imparare l’inglese può essere un difficile ostacolo da superare, dato che dai 18 anni la mente umana aumenta in potenza ma perde di elasticità. In altri Paesi del mondo l’apprendimento precoce delle lingue è una pratica già testata, mentre in Italia si tende ancora a pensare che il momento giusto per iniziare ad imparare l’inglese sia a scuola ovvero quando il bambino ha dai 6-7 anni in su -a seconda del programma previsto dalla scuola stessa.

Naturalmente l’insegnamento dell’inglese a bambini dai 3 agli 8 anni deve essere affidato a personale esperto, che sia in grado di far trascorrere le ore di insegnamento abbinandovi anche una giusta dose di esperienza ludica, in modo che i ragazzi imparino i primi vocaboli ed i primi verbi in un’atmosfera di gioco e divertimento; per un corso pomeridiano in età prescolastica la durata complessiva del corso potrebbe essere circa di 30-40 ore all’anno, da proseguire con continuità per poter raggiungere più facilmente i risultati attesi.

Naturalmente iscrivere il proprio figlio ad una scuola inglese in Italia è la soluzione più completa ed efficace per potergli trasmettere la nuova lingua in maniera naturale, dato che grazie all’interazione con insegnanti madrelingua e bambini provenienti da altri Paesi e grazie allo studio in inglese delle stesse materie previste dal Ministero dell’Istruzione italiano, nella mente dei ragazzi avviene una elaborazione delle informazioni totalmente nella nuova lingua.

Una curiosità: l’errore principale che molti genitori fanno, pensando di aiutare i figli ad imparare l’inglese è chieder loro la traduzione di parole italiane di uso comune, passo che invece complica il processo di apprendimento perché costringe i ragazzi a dare delle risposte sempre passando per la lingua italiana; il giusto modo di supportare i ragazzi a casa è invece stimolarli con domande in lingua,in modo che l’elaborazione della risposta avvenga interamente in inglese.

Informazioni sull'Autore

Articolo a cura di Serena Rigato
Prima Posizione Srl
Web Marketing Agency

Fonte: Article-Marketing.it

Suggerisci questo link tramite QR-Code

Qr Code

Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie