Bigportal

Il portale domestico

Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
»Il dirigente antiabusivismo torna al suo posto. "Riprenderò a far demolire le costruzioni illegali"  »Spaccio di droga, operazione a Roma: 21 arresti tra persone vicine alla 'ndrangheta  »Criminalità, maxi operazione della polizia a Foggia: perquisizioni e fermi  »La commissione antimafia negli Stati Uniti. “Un nuovo patto criminale fra Palermo e New York”  »Il mondo salvato dalle donne: sono loro le più ecologiste  »Dal mare tre sub morti e cento chili di hashish. Un giallo alla Camilleri  »Incidente all'alpinista Simone Moro sulle montagne del Karakorum: "A un soffio da un evento tragico"  »Ex Ilva, lettera a Conte dai Genitori Tarantini: "Il debito che lo Stato ha con Taranto non si salda con un'elemosina"  »Repubblica tutta da ascoltare: articoli, rubriche, storie, i nuovi podcast per gli abbonati  »Udine, trovata morta l'ex moglie del cantante Umberto Tozzi  »Volo Ryanair Bari-Pisa arriva con 4 ore di ritardo: la compagnia dovrà risarcire tre passeggeri pugliesi  »Tifoserie rivali, uomo investito muore nel Potentino  »Manfredonia, coppia di ragazzi finisce in mare con l'auto: in salvo a nuoto verso la banchina  »Foggia, cadavere carbonizzato trovato in campagna: forse è l'uomo scomparso da San Severo  »Venezia, la denuncia di una studentessa di origine cinese: "Insulti razzisti e sputi da due ragazzi sul treno"  »Bambini al ristorante, sì o no? La sfida tra locali children free e familiari: "Stiamo diventando troppo intolleranti"  »Roma, neonata rischia di soffocare: salvata da carabiniere fuori servizio. "Ho pianto di gioia"  »Reggio Emilia, vendono l'azienda e regalano un tesoretto ai dipendenti  »L’appello degli scout alle mamme dei clan: “Mandateci i vostri figli”  »Cadavere di una donna recuperato nel lago di Iseo  

La diffusione capillare del touch screen

touch screenSe dovessimo fare un elenco degli anglicismi che, negli ultimi tempi, hanno conosciuto una maggiore diffusione nella lingua parlata di tutti i giorni, il termine touch screen figurerebbe di sicuro nella top ten. Complice soprattutto il boom degli smartphone e dei tablet, la tecnologia dello “schermo tattile” è penetrata nelle nostre vite e si è fatta largo tra le nostre abitudini.

 

Chiedete a un bambino di 8 anni che cos’è una macchina da scrivere e forse non vi saprà rispondere, ma chiedetegli se sa cos’è un touch screen e con tutta probabilità vi guarderà come se gli aveste chiesto che lavoro fa Babbo Natale. Eh sì, perché se le generazioni precedenti erano nate, e cresciute, con degli strumenti caratterizzati da tasti da pigiare (dalle macchine da scrivere ai pc, passando per i cellulari di prima generazione), i cosiddetto nativi digitali, che con le ultimissime tecnologie ci sono nati, trovano del tutto naturale effettuare una chiamata, o scrivere, o scorrere una schermata, semplicemente toccando uno schermo. E questo perché oramai la tecnologia touch screen è davvero presente in moltissimi oggetti di uso quotidiano. I telefonini ne sono probabilmente l’esempio più lampante, e anche se in questo settore persistono e non desistono i nostalgici dei tasti da premere, è innegabile che le vecchie tastiere stanno lasciando sempre più inesorabilmente il posto alle più moderne piattaforme tattili. Oltre ai nuovi telefonini, a portare avanti la “causa” dello schermo touch sono i tablet, iPad in primis.

Quando il primo iPad fece la sua comparsa, presentato da Steve Jobs, sicuramente una delle cose che maggiormente balzarono all’occhio fu la mancanza di una tastiera, una delle caratteristiche che lo differenziava dai laptop e che costituiscono una delle peculiarità essenziali di questo oggetto. Ma gli schermi tattili non si trovano solo negli apparecchi telefonici o nei tablet, ma anche in moltissimi altri contesti: pensiamo per esempio agli e-book, che ci permettono di sfogliare un libro – virtualmente – semplicemente sfiorando uno schermo, ma anche ai moltissimi elettrodomestici di ultima generazione che sfruttano questa tecnologia. Dalle lavatrici ai forni, gli elettrodomestici più innovativi possono essere regolati mediante degli schermi tattili, rendendo anche l’ambiente tradizionale per eccellenza, ossia la cucina, una specie di isola futuristica.

E che dire, poi, dell’impiego dei touch screen nel campo turistico? A comprare i biglietti del treno dalle macchinette che sfruttano queste tecnologie siamo abituati già da un po’, ma sempre più spesso il principio dello schermo tattile viene impiegato nei musei e in generale nei siti di interesse culturale per dare la possibilità ai visitatori di approfondire in modo veloce e dinamico. È notizia di pochi giorni fa il progetto si diffondere, nel centro storico di Firenze, dei terminali touch screen, che verranno posizionati in alcuni punti strategici della città per fornire delle indicazioni ai turisti in merito ai luoghi da visitare, ai numeri utili, al meteo, ai trasporti, agli eventi in programma e così via. Insomma, dal lavoro al divertimento, passando per il contesto domestico, il multi touch sta diventando sempre più parte integrante della nostra vita quotidiana.

Articolo a cura di Francesca Tessarollo
Prima Posizione Srl
Fonte: Article-Marketing.it

Suggerisci questo link tramite QR-Code
Qr Code
Informazioni sull'autore
Bigportal
Author: Bigportal
The boss

Aggiungi commento

L'inserimento dei commenti è consentito a tutti. L'unica raccomandazione è quella di avere rispetto per gli altri e di mantenere un linguaggio educato. Grazie.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su Bigportal.it vengono utilizzati solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito, che non necessitano del consenso dei navigatori. Tuttavia utilizziamo anche cookies di terze parti per i banner pubblicitari che invece necessitano di consenso, anche in modo implicito. Tale consenso si manifesta proseguendo nella navigazione, consenso che si può riconsiderare in qualsiasi momento cambiando le impostazioni del proprio browser. Consulta la nostra privacy policy.

  Ho capito e premendo il pulsante accetto.
Informativa sui cookie