Ti trovi qui: Home -> Il linguaggio del sorriso

Il linguaggio del sorriso

  •  
  • 2 min read
Sorriso Julia Roberts
0
(0)

Tecnicamente, il sorriso viene prodotto stirando gli angoli della bocca e inarcando le labbra.

Chi se lo può permettere, anche mostrando i denti.

Tuttavia il sorriso non è solamente un’estensione della bocca perchè un vero sorriso comprende un po’ tutta l’espressione del viso e quindi anche gli occhi.

Spesso infatti sono proprio gli occhi a fornire quella carica espressiva, quel messaggio comunicativo proprio allo sguardo e della sua profondità.

Un vero sorriso è fatto spontaneamente, è istintivo e rende più sincero e profondo lo sguardo, mentre un sorriso forzato o di circostanza (come quelli che siamo abituati a fare quando siamo in posa per una foto) non cambia lo sguardo ma allarga solo la bocca.

Quando si dice “ha sorriso con gli occhi” ci si riferisce proprio a questo.

Talvolta il sorriso diventa una risata, ma la forza espressiva e comunicativa, così come le circostanze che possono generarli, differiscono notevolmente come anche il messaggio di emozioni che si trasmette.

Il sorriso pertanto si usa per manifestare uno stato emotivo e quindi come strumento di comunicazione spontaneo.

Se incanalato in un atteggiamento comportamentale o di circostanza (pensiamo alle persone del mondo dello spettacolo) diventa una forma convenzionale di approccio o di relazione.

Saper riconoscere in un sorriso la sua spontaneità diventa dunque un modo per riconoscere stati d’animo e, perchè no, anche atteggiamenti di apertura o chiusura verso l’altro.

Il sorriso nei bambini, nel modo comune di osservarlo, rappresenta l’espressione della felicità.

Anche quando i bambini disegnano le persone vengono rappresentate, seppur in maniera elementare, con il viso sorridente.

Quando questo non accade, è segno che nella visione del bambino la persona rappresentata è ritenuta ostile.

Nei bambini infatti il sorriso non viene appreso per imitazione ma è spontaneo e privo dei condizionamenti sociali.

E’ dunque uno dei modi che distingue l’essere umano da altre specie animali.

Se nei neonati quello che sembra un sorriso è uno stiramento delle labbra, successivamente viene provocato alla visione di un volto umano per poi acquistare un’ulteriore maturazione diventando una vera e propria espressione dell’individuo.

Il sorriso, come il pianto, nei bambini è una forma di comunicazione esclusiva.

Dopo i sei mesi circa di vita, il sorriso diventa una forma di socializzazione.

I bambini sono senza passato ed è questo tutto il mistero dell’innocenza magica del loro sorriso.
(Milan Kundera)

 Nella foto: lo splendido sorriso di Julia Roberts

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Vota per primo questo post.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.