Ti trovi qui: Home -> Violenza di genere. Come individuarne in segnali?

Violenza di genere. Come individuarne in segnali?

  •  
  • 5 min read
Violenza di genere
5
(1)

Tutte le donne possono essere vittime di violenza di genere. Sebbene la violenza fisica sia la più ovvia, ci sono altri 5 tipi che è importante conoscere per prevenire e agire in tempo.

Per molte donne è difficile rendersi conto di essere in una relazione violenta e, soprattutto, poter chiedere aiuto. Spesso le aggressioni possono iniziare come quasi “impercettibili” e la loro dimensione diventa consapevole quando è troppo tardi.

Gli specialisti sottolineano che tutta la violenza è grave per le conseguenze che genera sulla salute fisica ed emotiva delle donne, ma il rischio aumenta nei casi in cui la violenza fisica o sessuale è prioritaria e può sfociare in femminicidi.

Essere in grado di rilevare i segnali di allarme, prevenire e agire in tempo, è fondamentale.

Tutte le donne possono essere vittime di violenza.

Non solo non distingue per status socioeconomico o educativo, ma può verificarsi in qualsiasi momento nella vita di una donna. Molte volte si tratta di abusi quotidiani, in molti casi naturalizzati. Ad esempio, un corteggiamento violento “ha tutti gli ingredienti per diventare invisibile”, descrive lo specialista. Alla mancanza di esperienza e alla giovane età delle vittime si aggiunge l’idea dell’amore romantico, “che tutto può e tutto perdona” e la difficoltà di riconoscere la situazione e raccontarla, e infine la perdita della rete di sicurezza.

Quali sono i tipi di violenza e come individuarli?

Segnali di avvertimento per ragazze e donne:

Controllo:

dal dirti quali vestiti puoi indossare e come truccarti al controllare il tuo cellulare e chiedere la tua password di Facebook, Twitter o Instagram come “pegno d’amore”.

Umiliazione:

ridicolizzarti davanti ai tuoi amici, farti sentire goffo, inutile, criticare il tuo corpo o paragonarti alle tue ex fidanzate, farti sentire meno e incolpare te stesso per tutto ciò che accade nella relazione. Questi uomini spesso si comportano in un modo in pubblico e in un altro in privato. Inoltre, spesso chiedono perdono molte volte. “Dopo una situazione violenta, si scusano, promettono di non farlo più. Questo è fonte di confusione, perché la violenza coesiste con le situazioni d’amore e questo genera in lei speranza: il pensiero che sarà in grado di cambiarla”.

Celotype:

quando non ti fa vedere i tuoi amici, vuole conoscere ogni tua mossa e controlla le tue uscite così come i tuoi social network. Molte volte, i violenti non lasciano nemmeno che si riuniscano con i colleghi di lavoro o di scuola nel caso di ragazze adolescenti.

Aggressioni fisiche

che alla vista di chi gli sta intorno vengono interpretate come “giochi di prestigio”: come pizzicare, tirare i capelli, spingere, prendere a calci o schiaffi. Questo si verifica spesso nelle relazioni violente con gli adolescenti.

Abuso sessuale:

se ti costringe a fare sesso, vuole toccarti o eseguire pratiche che non vuoi o senti di non essere pronto, oltre a costringerti a fare sesso senza l’uso del preservativo.

Per le famiglie:

Isolamento:

se noti che tua figlia inizia a evitare gli amici, si ritira dalla famiglia, limita le sue attività (come studiare, uscire o fare sport) e tutto ciò che fa è stare con il suo partner. I violenti cercheranno di tenerla lontana e isolarla continuamente dagli amici, dai colleghi di studio o di lavoro, dalla famiglia, perché sono loro che possono aprirle gli occhi, darle un aiuto o farle capire che quest’uomo si esercita violenza su di lei.

Auricolari per cellulare:

passa tutto il giorno incollata al cellulare, mettendo l’altoparlante per mostrare al suo ragazzo che si trova in un determinato luogo o chi l’accompagna. Cambia nel suo modo di essere: non si veste allo stesso modo, smette di indossare i vestiti che le piacevano, perde o ingrassa molto; se è angosciata, con bassa autostima o con cambiamenti di umore. Rileveremo in queste donne dai cambiamenti nelle abitudini al loro aspetto e al modo in cui si puliscono, così come la luminosità dei loro occhi, il loro sguardo, il loro viso e l’igiene personale.

Evitano di chiacchierare:

se si accorgono che inizia a nascondere le cose e non racconta troppo della loro relazione o se si chiude in se stessa e non vuole parlare di quello che le sta succedendo. E’ fondamentale che i genitori parlino molto con le figlie, in un dialogo non censorio, “perché se l’adolescente sente la censura non parlerà più”, anche se è difficile capire perché tua figlia ha una relazione che la ferisce. Quello che si deve evitare è che l’adolescente venga lasciato solo. Il femminicidio non inizia da un giorno all’altro a esercitare violenza. Tutto inizia nel corteggiamento.

Quali sono i tipi di violenza e in quali aree possono verificarsi?

Dalla Fondazione Avon, sottolineano che comprende ogni condotta, azione o omissione, che direttamente o indirettamente, basata su un rapporto di potere ineguale, colpisce la vita, la sicurezza personale, la libertà e la dignità delle donne, nonché qualsiasi pratica discriminatoria che metta le donne a rischio, in svantaggio rispetto agli uomini.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Vota per primo questo post.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.