Detersivo fatto in casa

Perchè realizzare un detersivo fatto in casa quando con pochi spiccioli se ne acquistato di efficienti e con fragranze diverse?

Cominciamo con il dire che lavare i piatti a mano produce un consumo enorme di acqua rispetto ad un lavaggio in lavastoviglie. Tuttavia un detersivo fatto in casa riduce la dispersione nell’ambiente di prodotti e sostanze chimiche.

Può tuttavia capitare di dover lavare delle stoviglie per averle subito disponibili e di non disporre di detersivi per piatti o di non volerli utilizzare perchè, come è noto, sono ritenuti responsabili sia in termini di possibili problemi di salute, sia di ecosostenibilità.

In proposito sarebbe interessante leggere questa guida in lingua inglese.

Premesso intanto che per lavare a mano i piatti usati in una cena di 6 persone occorrono circa 50 litri d’acqua, contro i 15 necessari per un pieno carico di una normale lavastoviglie, quelle di classe A+, A++ e A+++ consumano ancora meno:

appena 7 litri per ciclo d’acqua e il 30% dell’energia in meno rispetto a quella necessaria alle lavastoviglie di classe A.

Ma torniamo al nostro detersivo. Se lo volessimo realizzare in casa, perfettamente adatto allo scopo, con minore spesa e maggiore riguardo all’ambiente?

Ecco come fare…

Ci servono, tanto per cominciare, 8 limoni molto succosi (scartate quelli tutta polpa), 800 ml di acqua di rubinetto, 300 grammi di sale e 200 ml di aceto.

Mettiamo a disposizione un flacone che sarà destinato a contenere il nostro ecostenibile sapone (in alternativa anche dei barattoli di vetro andranno benissimo), una pentola che adatta e capiente, un imbuto, un colino ed un frullatore.

Quindi mettiamo a bollire i limoni nell’acqua finchè non saranno completamente molli, lasciamo raffreddare e tagliamoli a pezzetti, privandoli dei semi. Frulliamoli e filtriamo con un colino.

A questo punto versiamo il limoni frullati, l’aceto ed il sale nella pentola dell’acqua e lasciamo bollire per una decina di minuti, mescolando di tanto in tanto.

Spento il fuoco e lasciato raffreddare, dovremo amalgamare il tutto con un frullatore ad immersione e quindi trasferire il nostro sapone per piatti nel contenitore con dosatore o, in alternativa, nei barattoli di vetro.

Ne sarà rimasto circa un mezzo litro, che si conserverà perfettamente e senza problemi, a temperatura ambiente, anche per un annetto.

Esiste anche un altro sistema, peraltro meno laborioso, per ottenere il sapone per piatti, ed in questa seconda ricetta dovremo avere a disposizione:

materiali:

un flacone da circa 500 ml, un cucchiaio, un cucchiaino, un imbuto

ingredienti:

bicarbonato di sodio, sapone liquido NON profumato ed ecologico, olio essenziale di limone.

Il procedimento è semplice: si versa nel contenitore un cucchiaino da caffè di bicarbonato e circa 125 ml di sapone liquido, si finisce di riempire con l’acqua e si aggiungono una ventina di gocce di olio essenziale al profumo di limone.

Fatto questo, agitate dolcemente per amalgamare gli ingredienti e il gioco è fatto.

Provare per credere…

Altri post di utilità

More From Author

Zuppa di pesce mediterranea
Categories Le ricette sparse

Una deliziosa ricetta di zuppa di pesce mediterranea

La Polenta nella tradizione italiana
Categories Le ricette sparse

La Polenta nella tradizione italiana

Pranzo domenica
Categories Le ricette sparse

Il pranzo della domenica

Hai un commento da esprimere?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

I suggerimenti di Sparagnina

I suggerimenti di Sparagnina

Equilibrio biologico in acquario

Equilibrio biologico in acquario

baffetti femminili

Come sbarazzarsi per sempre dei baffetti femminili

barometro fai da te

Il barometro fai da te?