Ti trovi qui: Home -> Egitto: riaperto il tempio della dea Iside

Egitto: riaperto il tempio della dea Iside

Tempio Iside
0
(0)

Il Ministero del Turismo Egiziano ha completato i lavori di conservazione sull’ultimo tempio a Iside, ricostruito nel classico stile egizio antico.

Per molti anni, il tempio di Iside nella provincia di Assuan è rimasto un rifugio per uccelli e pipistrelli, perso nella notte dei tempi e perlopiù dimenticato.

Recentemente, ovvero da quando la situazione politica in Egitto si è stabilizzata, il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano aveva iniziato i lavori per restaurare l’ultimo tempio a Iside, costruito nel classico stile egiziano antico.

Dopo due anni di lavoro su questo importante sito archeologico, il tempio è stato riaperto ai visitatori.

Mustafa Waziri, segretario generale dell’Alto Consiglio delle Antichità, ha affermato che il tempio stava subendo lavori di restauro su più fronti. Comprendeva la conservazione del pavimento e delle colonne, la pulizia delle pareti da escrementi di uccelli e pipistrelli e l’installazione di finestre metalliche per impedire agli uccelli di entrare.

Il restauro e la pulizia sono avvenuti anche sulle iscrizioni all’ingresso del santuario, oltre alla rimozione della fuliggine sul soffitto del tempio. Sono stati conservati anche i disegni ed i colori esistenti all’ingresso e alle porte laterali del tempio, nonché le tavole per l’elevazione nella sala dell’ipostilo.

Tempio Iside

Il tempio è perfettamente conservato

Il tempio è un ritrovamento archeologico estremamente significativo, in quanto è stato ritrovato conservato in ottime condizioni durante l’apertura nel 1871. La costruzione del tempio di 19 metri iniziò intorno al 690 a.C. durante il regno del faraone Tolomeo III.

Qui è stato costruito un luogo per il culto della dea Iside. Il tempio è costruito in arenaria e ha due porte, la principale delle quali è sormontata da un ornamento sormontato da un disco solare alato. Attraverso questa porta, i visitatori entrano in una sala con tre stanze aperte.

Sulla parete est della stanza di mezzo, detta anche Sanctum, sono state scolpite diverse scene di sacrificio. Le pareti del tempio presentano anche scene della mitologia egizia, poiché Iside riporta in vita Osiride, dà alla luce Horus e mummifica Osiride dopo la sua morte.

Il tempio di Iside era inizialmente situato sull’isola di Philae, quindi fu spostato sull’isola di Agilkia dopo la costruzione della diga di Assuan. È dedicato a Iside, suo marito Osiride e suo figlio Horus.

Fin dall’antichità, l’isola di Philae era sacra alla dea Iside.

Il complesso del Tempio di Iside fu completato da Tolomeo II di Filadelfia (285-246 aC) e dal suo successore Tolomeo III Everget (246-221 aC). Le sue decorazioni risalgono al periodo dei successivi Tolomei e degli imperatori romani Augusto e Tiberio (27 aC – 37 dC), ma non furono mai completate.

L’imperatore romano Adriano (117-138 d.C.) aggiunse una porta a ovest del complesso. Altri piccoli templi o santuari dedicati alle divinità egizie nel complesso includono il tempio di Imhotep, un Hathor e le cappelle di Osiride, Horus e Nephthys.

Escursione al tempio

Il tempio ha due ingressi, di cui uno sul lato ovest, dove l’ingresso principale si trova al centro della facciata, e il secondo – all’estrema sinistra dell’ingresso principale. Sul retro della sala principale si possono ammirare le magnifiche scene, che raffigurano il re che compie sacrifici agli dei Satet, Anket e Khnum, conosciuti come la Trinità di Assuan.

Durante gli ultimi lavori di restauro del complesso del tempio, sono state rinvenute numerose iscrizioni copte, oltre a rari disegni architettonici sulle pareti, che illustrano l’impianto originario del tempio. Tra le scoperte anche i resti di case in mattoni romane e islamiche.

Al centro della facciata del tempio si trova un maestoso portale principale, decorato con scene e testi colorati, e sopra il quale si trova un disco solare alato, raffigurato al centro. L’ingresso conduce ad una sala trasversale contenente tre stanze al centro della Sala dei Santi.

Questa sezione contiene tre enormi altari in granito nella sala, due dei quali si trovano nel corridoio nord della sala principale. Un altro altare si trova nel corridoio sud, oltre ad un altro, che si trova all’interno della Casa dei Santi. Tutti questi altari contengono iscrizioni dei titoli del faraone Tolomeo IV, nonché alcune scene pittoresche sul pilastro sud della sala, che rappresentano un gruppo di santi.

L’ultima scoperta conferma che il tempio fu utilizzato come chiesa in epoche successive.

Come arrivarci

Il Tempio di Iside si trova sulla riva orientale del Nilo ad Assuan, vicino al recinto orientale della città. I visitatori possono prendere un taxi o un autobus prima di prendere una barca per la costa orientale per godersi il tempio.

Prezzi del biglietto

Per gli egiziani e gli arabi adulti, i biglietti d’ingresso costano 10 EGP a persona, mentre per gli studenti egiziani e arabi i biglietti costano 5 EGP. L’ingresso per i bambini sotto i sei anni è gratuito.

Tutte le altre nazionalità possono acquistare i biglietti a 60 EGP per gli adulti e 30 EGP per gli studenti e gratis per i bambini di età inferiore ai sei anni.

È previsto un supplemento per la fotografia al museo, aperto tutti i giorni dalle 07:00 alle 17:00.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Vota per primo questo post.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.