La guerra di Gaza

La Guerra di Gaza

La storia della Guerra israelo-palestinese (la guerra di Gaza) ha origini lontane e quella in corso contro Hamas è solo l’ultima .

Introduzione ad Hamas

Hamas è un gruppo militante islamico palestinese formatosi nel 1987 all’inizio della prima intifada contro l’occupazione israeliana della Cisgiordania e della Striscia di Gaza.

Il gruppo terroristico mira a liberare la Palestina dall’occupazione israeliana e a fondare uno Stato islamico.

Hamas è nato dai Fratelli Musulmani, un’organizzazione islamica sunnita fondata in Egitto nel 1928.

I Fratelli Musulmani stabilirono una presenza nei territori palestinesi negli anni ’40 e influenzarono l’ideologia e la struttura di Hamas.

Hamas si oppose al nazionalismo laico dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), che dominava la politica palestinese.

Mentre l’OLP partecipava ai negoziati di pace con Israele negli anni ’90, Hamas effettuava attentati suicidi e altri attacchi contro i civili israeliani.

Lo statuto di Hamas prevede la distruzione di Israele e la creazione di uno stato islamico nella Palestina storica, comprendente quello che oggi è Israele, la Cisgiordania e la Striscia di Gaza.

Rifiuta la soluzione dei due Stati e i colloqui di pace con Israele. Hamas giustifica gli attacchi contro i civili israeliani come legittima resistenza contro l’occupazione.

Attività terroristiche di Hamas

Hamas è impegnato in varie attività terroristiche contro Israele sin dalla sua fondazione nel 1987.

Ciò include attentati suicidi, attacchi missilistici, scavo di tunnel sotterranei e attacchi deliberati contro civili israeliani.

Alcuni degli attentati suicidi di Hamas più importanti si sono verificati negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000 durante la Seconda Intifada.

Questi attacchi hanno preso di mira autobus pubblici, ristoranti, mercati, hotel e altre aree civili. Centinaia di israeliani furono uccisi in questi bombardamenti, con l’obiettivo di diffondere il terrore e demoralizzare la popolazione israeliana.

Dal 2001 Hamas ha lanciato migliaia di razzi da Gaza nel sud di Israele. Questi attacchi missilistici hanno messo a rischio milioni di civili israeliani.

I razzi hanno raggiunto grandi città come Tel Aviv e Gerusalemme. Hanno causato danni diffusi, feriti e morti. Hamas aumenta i lanci missilistici nei periodi di maggiore tensione e conflitto con Israele.

Più recentemente, Hamas ha costruito una rete di tunnel sotterranei che collegano Gaza a Israele. Questi tunnel sono stati utilizzati per contrabbandare armi, infiltrarsi in Israele e lanciare attacchi a sorpresa.

Nel 2014, i militanti di Hamas emersero da un tunnel all’interno di Israele e uccisero 5 soldati. La distruzione dei tunnel è diventata l’obiettivo principale dell’esercito israeliano.

In generale, Hamas rifiuta qualsiasi attacco deliberato contro i civili, nonostante lo faccia abitualmente nei suoi attacchi contro Israele. Il suo obiettivo è terrorizzare e uccidere quanti più israeliani possibile, con poca distinzione tra obiettivi civili e militari. Ciò contraddice le sue stesse dichiarazioni e la presunta adesione al diritto internazionale.

Il conflitto israelo-palestinese, o più comunemente la Guerra di Gaza.

Il conflitto israelo-palestinese risale all’inizio del XX secolo e alle rivendicazioni concorrenti sulla Palestina storica da parte dei movimenti nazionali ebrei e arabi. Alcuni eventi e questioni chiave includono:

– Eventi chiave – Il conflitto si intensificò dopo che Israele dichiarò l’indipendenza nel 1948 e i paesi arabi vicini invasero Israele. Ciò portò alla guerra arabo-israeliana del 1948. Altre guerre importanti si sono verificate nel 1956, 1967, 1973, 1982.

Ci sono state anche due intifada, o rivolte, palestinesi, nel 1987-1993 e nel 2000-2005.

– Processi di pace falliti – Ci sono stati molti tentativi di negoziati di pace nel corso dei decenni, compresi gli accordi di Oslo negli anni ’90 che hanno creato l’Autorità Palestinese. Tuttavia, i negoziati sullo status finale sono falliti su questioni quali confini, insediamenti, Gerusalemme e profughi palestinesi.

Anche i grandi sforzi dei presidenti americani Clinton e Obama non hanno portato ad un accordo di pace definitivo.

– Insediamenti – Israele ha creato insediamenti in Cisgiordania e Gerusalemme Est, considerati illegali da gran parte della comunità internazionale.

Eppure la crescita degli insediamenti continua, rendendo difficile la creazione di uno stato palestinese contiguo. Questo è un grave ostacolo alla pace.

– Confini – I negoziati su dove tracciare i confini tra Israele e un potenziale futuro stato palestinese sono in fase di stallo. Nel corso dei decenni sono state avanzate numerose proposte.

– Gerusalemme – Entrambe le parti rivendicano Gerusalemme come loro capitale. Israele controlla Gerusalemme Est e considera l’intera città la sua capitale eterna e indivisa. I palestinesi chiedono Gerusalemme Est come capitale del loro futuro Stato.

– Rifugiati – Centinaia di migliaia di palestinesi furono sfollati durante la guerra del 1948. Loro e i loro discendenti ammontano oggi a circa 5 milioni. Il “diritto al ritorno” è una delle principali rivendicazioni palestinesi, ma Israele rifiuta il ritorno su larga scala in quanto minaccia alla sua maggioranza ebraica.

Le questioni fondamentali di cui sopra rimangono irrisolte e continuano ad alimentare il conflitto decenni dopo. Permangono forti rimostranze e sfiducia da entrambe le parti.

Conseguenze politiche in Israele

L’ascesa di Hamas e delle sue attività terroristiche ha avuto conseguenze politiche significative in Israele, contribuendo in particolare allo spostamento verso destra politica e alla ripetuta elezione di Benjamin Netanyahu a Primo Ministro.

Netanyahu e il suo partito Likud hanno assunto una posizione dura contro Hamas e la violenza palestinese.

Hanno criticato i precedenti governi israeliani per aver fatto troppe concessioni nei negoziati con i palestinesi.

Lo spostamento a destra nella politica israeliana è esemplificato dall’elezione di Netanyahu a Primo Ministro nel 2009, in sostituzione del più centrista Ehud Olmert. Netanyahu ha condotto una campagna pesante sulle questioni di sicurezza e sulla minaccia di Hamas. Ha criticato Olmert per essere stato troppo morbido nei negoziati con i palestinesi.

Netanyahu è stato rieletto più volte, in parte presentandosi come l’alternativa focalizzata sulla sicurezza rispetto ai candidati più accomodanti.

Il suo lungo mandato come Primo Ministro gli ha permesso di attuare politiche più aggressive e aggressive nei confronti di Hamas e Gaza. Ha autorizzato operazioni militari su larga scala contro Hamas, anche nel 2012 e nel 2014.

I critici sostengono che Netanyahu abbia utilizzato la minaccia di Hamas per perseguire vantaggi politici di parte.

Sostengono che le sue politiche aggressive hanno effettivamente minato la sicurezza di Israele nel lungo termine non riuscendo ad affrontare le cause profonde che guidano il sostegno ad Hamas.

Tuttavia, Netanyahu rimane popolare tra molti elettori israeliani che lo vedono come l’unico leader disposto ad adottare una linea dura contro il terrorismo.

L’ascesa di Hamas e la violenza in corso hanno rafforzato una dinamica politica in Israele che favorisce i leader di destra come Netanyahu che promettono di adottare misure dure in risposta al terrorismo. Ciò ha reso più sfuggente un accordo di pace con i palestinesi.

Coinvolgimento dei sunniti

La causa palestinese è da tempo un grido di battaglia per i musulmani sunniti in tutto il Medio Oriente e in tutto il mondo. Ciò è in parte dovuto al fatto che la stragrande maggioranza dei palestinesi sono musulmani sunniti.

Inoltre, il conflitto israelo-palestinese è talvolta inquadrato in termini religiosi come una lotta tra musulmani ed ebrei per i luoghi santi di Gerusalemme e nel territorio più ampio della Palestina.

Molti sunniti vedono Israele come una forza di occupazione che ha sfollato i palestinesi dalla loro legittima patria. Ciò è in sintonia con il senso di giustizia dei sunniti e alimenta la rabbia nei confronti di Israele.

I governi sunniti hanno spesso criticato le politiche israeliane e fornito aiuti finanziari all’Autorità Palestinese. Tuttavia, hanno avuto rapporti complicati con gruppi militanti palestinesi come Hamas.

Da un lato, la resistenza di Hamas contro Israele è in linea con la simpatia sunnita per la lotta palestinese.

Tuttavia, il suo uso del terrorismo e i legami con i Fratelli Musulmani rendono diffidenti alcuni governi arabi sunniti.

L’Arabia Saudita e altri stati del Golfo hanno fornito aiuti umanitari al popolo palestinese ma hanno evitato di finanziare direttamente Hamas.

Ci sono divisioni all’interno del mondo sunnita riguardo alla risposta adeguata. Turchia e Qatar hanno sostenuto maggiormente Hamas, accogliendone i leader e promettendo assistenza finanziaria.

Ciò deriva da una combinazione di solidarietà religiosa con i sunniti palestinesi e dal desiderio di espandere la loro influenza.

Al contrario, Egitto, Giordania e Arabia Saudita hanno adottato una linea più dura contro le attività militanti di Hamas, temendo la sua ideologia radicale.

Il coinvolgimento delle potenze sunnite riflette le loro complesse visioni sul conflitto israelo-palestinese. La maggior parte vuole difendere la causa palestinese per attirare la simpatia dei propri cittadini.

Ma molti vogliono anche mantenere rapporti di lavoro con gli Stati Uniti e cercano di frenare l’estremismo. Questo atto di equilibrio continua a influenzare le politiche sunnite nei confronti di gruppi come Hamas.

Coinvolgimento degli sciiti

L’Iran sostiene da tempo Hamas, un gruppo militante palestinese sunnita. Ciò è dovuto all’opposizione dell’Iran a Israele e al desiderio di esercitare un’influenza nella regione.

L’Iran fornisce armi, addestramento e finanziamenti ad Hamas per effettuare attacchi contro Israele.

Il sostegno dell’Iran ad Hamas provoca tensioni con il suo rivale regionale, l’Arabia Saudita, che è prevalentemente sunnita.

L’Iran è la principale potenza sciita nella regione. L’Arabia Saudita si oppone all’influenza dell’Iran presso gruppi sunniti come Hamas.

Un’altra forza per procura iraniana che si scontra con Israele è Hezbollah in Libano.

Hezbollah è un gruppo di miliziani sciiti che effettua attacchi transfrontalieri contro Israele dal sud del Libano. L’Iran fornisce a Hezbollah armi avanzate e aiuta a finanziare le sue attività.

Hezbollah e Hamas a volte collaborano, nonostante siano divisi su linee settarie. Condividono un nemico comune in Israele. Tuttavia, ci sono differenze ideologiche tra i due gruppi che hanno impedito una piena alleanza.

Nel complesso, l’Iran utilizza le sue forze sciite per procura, come Hezbollah, per affrontare Israele ed estendere la sua influenza.

Il sostegno al gruppo sunnita Hamas è più complicato, ma mira anche a indebolire Israele e ad aumentare il potere regionale dell’Iran. Queste attività aggravano le tensioni tra sciiti e sunniti in Medio Oriente.

Risposta internazionale

La comunità internazionale è impegnata da tempo nel tentativo di risolvere il conflitto israelo-palestinese e di raggiungere la pace nella regione. Tuttavia, le attività terroristiche di Hamas hanno complicato questi sforzi e suscitato una diffusa condanna.

Le Nazioni Unite hanno approvato diverse risoluzioni che condannano la violenza di Hamas e chiedono una riduzione della tensione, comprese risoluzioni del Consiglio di Sicurezza e dell’Assemblea Generale.

Dopo la guerra di Gaza del 2014, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha istituito una commissione d’inchiesta per indagare sulle violazioni del diritto internazionale da parte di tutte le parti. L’ONU ha anche fornito aiuti umanitari a Gaza chiedendo allo stesso tempo la smilitarizzazione del territorio.

Gli sforzi di mediazione internazionale, come la Roadmap for Peace del Quartetto, si sono arenati in mezzo alla violenza. Gli accordi di pace proposti da Stati Uniti, UE, Russia e altri non sono riusciti a guadagnare terreno con l’opposizione di Hamas ai negoziati.

La Lega Araba e l’Organizzazione per la Cooperazione Islamica hanno cercato di mediare cessate il fuoco e governi di unità tra Hamas e l’Autorità Palestinese, con scarso successo.

Molte nazioni hanno designato l’ala militare di Hamas come organizzazione terroristica e hanno adottato sanzioni. L’UE, gli Stati Uniti, il Canada e altri condannano gli attacchi missilistici di Hamas contro i civili israeliani.

Alcuni stati arabi del Golfo hanno segretamente fornito finanziamenti ad Hamas, mentre Turchia e Qatar danno un sostegno politico più aperto. L’Egitto ha mediato il cessate il fuoco, ma ha anche imposto un blocco su Gaza dopo che Hamas ha preso il potere.

Nel complesso la comunità internazionale concorda sul fatto che il terrorismo di Hamas contro i civili israeliani è inaccettabile.

Ma c’è disaccordo su come bilanciare le pressioni su Hamas, il sostegno al popolo palestinese e la preservazione della sicurezza di Israele.

Una soluzione duratura richiederà di affrontare il ruolo di Hamas in un futuro stato palestinese.

Politica statunitense

Gli Stati Uniti sono stati strettamente coinvolti nel conflitto israelo-palestinese e nella questione Hamas in diversi modi chiave:

Aiuti a Israele

– Gli Stati Uniti forniscono significativi aiuti militari ed economici a Israele, per un totale di circa 3 miliardi di dollari all’anno.

Ciò consente a Israele di mantenere la propria superiorità militare nella regione. I critici sostengono che ciò consente una politica israeliana intransigente contro Hamas e i palestinesi.

Designazione di Hamas come organizzazione terroristica

– Gli Stati Uniti hanno designato Hamas come organizzazione terroristica nel 1997 e non interagiscono direttamente con il gruppo. Considera gli attacchi missilistici e gli attentati suicidi di Hamas come terrorismo ingiustificato.

Gli Stati Uniti si coordinano con Israele per limitare le risorse di Hamas.

Ruolo nel processo di pace

– Per decenni gli Stati Uniti hanno mediato a fasi alterne tra Israele e Palestinesi per raggiungere una soluzione a due Stati. Tuttavia, questi sforzi sono in fase di stallo dal 2014.

Gli Stati Uniti insistono affinché i palestinesi rinuncino alla violenza e riconoscano Israele prima di essere inclusi nei negoziati.

Politiche dell’amministrazione Trump

– Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno assunto una posizione più ferma a favore di Israele, riconoscendo, ad esempio, Gerusalemme come capitale di Israele. Ha tagliato gli aiuti ai palestinesi e ha chiuso la missione dell’OLP a Washington.

Queste mosse complicarono gli sforzi di mediazione degli Stati Uniti.

Amministrazione Biden

– Biden ha ripristinato parte degli aiuti palestinesi ma non ha ancora riaperto la missione dell’OLP. Sostiene la soluzione dei due Stati, ma non ne ha fatto una priorità assoluta in mezzo ad altre crisi.

Il ruolo degli Stati Uniti nella pace israelo-palestinese rimane per ora poco chiaro.

Il percorso da seguire

Nonostante la lunga storia di violenza tra Israele e Hamas, esistono opzioni per ridurre le tensioni e lavorare per la pace.

Il percorso da seguire richiederà sforzi in buona fede da entrambe le parti, nonché l’impegno della comunità internazionale.

Opzioni per ridurre la violenza

Potrebbe essere negoziato un cessate il fuoco o un accordo di tregua per fermare attacchi missilistici, attacchi aerei e altri atti di violenza.

Ciò richiederebbe che Hamas e altri gruppi militanti fermassero gli attacchi contro Israele, e che Israele fermasse gli omicidi mirati e gli attacchi militari su Gaza.

Sarebbero necessari meccanismi di monitoraggio e applicazione rigorosi. L’Egitto svolge spesso un ruolo di mediazione tra Israele e Hamas e potrebbe potenzialmente mediare un accordo di cessate il fuoco.

Altre opzioni includono la ricerca di modi per allentare il blocco economico su Gaza, il miglioramento delle condizioni di vita dei palestinesi, il congelamento dei nuovi insediamenti israeliani in Cisgiordania e il rilascio di alcuni prigionieri palestinesi.

Se si affrontassero i problemi fondamentali della qualità della vita, ciò potrebbe ridurre le motivazioni che spingono i palestinesi a sostenere la violenza.

Trattative rinnovate

La soluzione a lungo termine è che Israele e un governo palestinese unificato ritornino ai negoziati per una soluzione a due Stati. Ciò richiederebbe la ricostruzione della fiducia da entrambe le parti: un compito impegnativo dopo anni di colloqui falliti e continue violenze.

Tuttavia, il quadro per una soluzione a due Stati esiste da precedenti colloqui di pace e accordi come gli Accordi di Oslo.

Le linee generali includerebbero la creazione di uno stato palestinese indipendente a Gaza e nella maggior parte della Cisgiordania, con Gerusalemme Est come capitale.

In cambio, i palestinesi riconoscerebbero il diritto di Israele ad esistere come stato ebraico in pace e sicurezza.

I dettagli su confini, insediamenti, rifugiati, sicurezza e status di Gerusalemme dovrebbero essere elaborati in negoziati in buona fede. Gli stati arabi come l’Arabia Saudita potrebbero potenzialmente svolgere un ruolo nel riunire le parti. Gli Stati Uniti, l’UE, le Nazioni Unite e altri attori internazionali dovrebbero essere coinvolti per fornire proposte e incentivi per un accordo.

La soluzione dei due Stati

In definitiva, la soluzione dei due Stati rimane la strada più percorribile verso una pace sostenibile, nonostante tutti gli ostacoli.

La maggioranza degli israeliani e dei palestinesi sostiene questo risultato. Richiederebbe il riconoscimento reciproco e la coesistenza tra Israele e una Palestina indipendente.

Entrambi i popoli otterrebbero finalmente l’autodeterminazione nelle loro patrie storiche: Israele come stato ebraico e la Palestina per il popolo palestinese. Gerusalemme potrebbe essere una capitale condivisa con accordi come la Città del Vaticano.

Con la volontà politica e una leadership coraggiosa da tutte le parti, il sogno di due stati pacifici che vivono fianco a fianco potrebbe un giorno diventare realtà.

Conclusione

Il conflitto tra Israele e Hamas è complesso e ha profonde radici storiche. Fondamentalmente, è alimentato da rivendicazioni contrastanti sulla terra e da uno scontro tra nazionalismo palestinese e sionismo.

Hamas utilizza tattiche terroristiche contro i cittadini israeliani nel tentativo di rivendicare la terra e fondare uno stato palestinese islamico. Israele risponde militarmente nel tentativo di proteggere i suoi cittadini e la sua sovranità. Questo ciclo di violenza ha portato per decenni a immense sofferenze da entrambe le parti.

Il coinvolgimento di potenze regionali come l’Iran e l’Arabia Saudita, che sostengono rispettivamente Hamas e Israele, complica ulteriormente le cose. Lo stesso vale per la divisione settaria tra musulmani sciiti e sunniti nella regione.

Una soluzione sembra impegnativa data la mancanza di fiducia e disponibilità al compromesso. Affinché si possano compiere progressi, entrambe le parti potrebbero dover riconoscere alcune colpe ed essere aperte a concessioni. Una soluzione a due Stati in cui Israele e Palestina coesistono pacificamente rimane sfuggente ma ideale.


Titolo dell’articolo:

La Guerra di Gaza

Frasi chiave utilizzate:

La guerra di Gaza
Terrorismo di Hamas: la guerra israelo-palestinese e le sue ricadute politiche
Il conflitto Hamas-Israele: come le tensioni sunniti-sciiti alimentano il fuoco
Netanyahu e Hamas: dentro la lotta violenta per Israele e Palestina
Esplorazione di Hamas, del conflitto israelo-palestinese, degli impatti regionali e della posizione di Netanyahu.

La foto in evidenza è stata tratta da RAINEWS

Cerca notizie aggiornate su RAINEWS

La guerra Russia Ucraina e le ragioni di Putin

 


Scopri di più da Bigportal

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.