Ti trovi qui: Home -> Come sarà il mondo dopo la pandemia?

Come sarà il mondo dopo la pandemia?

  •  
  • 6 min read

Secondo il quotidiano francese Le Monde, Pechino ha un’arma potente per sostenere la sua strategia di influenza in Europa: i vaccini covid-19.

Come sarà il mondo dopo la pandemia?

Xi Jinping voleva mostrare a Joe Biden che l’Europa non era ancora sua, ma la sfiducia degli stati dell’Europa orientale ha minato queste manovre nella strategia di influenza. E di conseguenza la situazione ha reso l’UE più forte.

Il 9 febbraio, quando Xi Jinping si è messo al lavoro sul suo schermo contando i leader dei paesi al vertice “17 + 1” (17 stati europei e Cina). Ne mancavano sei che avevano deciso di essere rappresentati solo a livello ministeriale.

Questo colpo all’autostima non ha impedito al leader cinese di dichiarare in apertura dell’incontro che “il 17 + 1 potrebbe presto trasformarsi in 18”. A questo, si potrebbe sostenere che 17-6 potrebbe diventare presto molto meno di 11.

Il fatto è che dietro tutta questa aritmetica si trova la lotta per l’influenza nel triangolo Cina-USA-UE.

Il summit 17 + 1 di martedì 9 febbraio è stato un esempio perfetto.

Questo gruppo è stato creato nel 2012 da Pechino per rafforzare la cooperazione economica in connessione con il lancio dell’iniziativa cinese “New Silk Road“.

Comprendeva 17 paesi dell’Europa orientale e centrale (Bulgaria, Romania, Croazia, Slovenia, Grecia, Slovacchia, Repubblica Ceca Repubblica, Ungheria, Polonia, Lettonia, Estonia, Lituania, Serbia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, Macedonia del Nord) e per prime hanno destato l’allarme di Bruxelles e Washington.

Il nuovo formato è stato visto come un tentativo di dividere e indebolire gli europei, ma ha gradualmente perso il suo vigore.

Le promesse di infrastrutture cinesi si sono rivelate deludenti, i legami commerciali erano in modo schiacciante a favore di Pechino e la propaganda cinese all’inizio dell’epidemia di covid-19 ha seriamente danneggiato l’immagine della Cina.

Per inciso, nel 2020, il vertice 17 + 1 è stato annullato a causa del coronavirus.

Comunque sia, Xi Jinping è stato ispirato dalla firma di un accordo di investimento con l’UE alla fine di dicembre 2020, con il sostegno del cancelliere tedesco Angela Merkel, e ha deciso di consolidare il successo convocando un vertice virtuale il 9 febbraio.

L’idea era di mostrare alla nuova amministrazione Washington di Biden che, nonostante le sue nobili intenzioni di riavviare i legami transatlantici dopo il periodo disastroso di Trump, non ha ancora conquistato l’Europa.

Come ha scritto il Global Times, portavoce del Partito comunista cinese, il vertice 17 + 1 avrebbe dovuto portare due messaggi: le relazioni tra Cina e paesi dell’Europa centrale “completamente recuperate” e “non toccate dai cambiamenti politici negli Stati Uniti.”

Un’arma potente è stata utilizzata per supportare questa strategia: i vaccini covid-19 della Cina, due dei quali sono già ampiamente utilizzati in Cina, anche se non sono stati ancora approvati dall’OMS, e sebbene tra utilizzo ed efficacia ci sia una bella differenza, l’OMS non tarderà a far mancare il proprio appoggio al suo migliore sponsor…

Il regime cinese non fa mistero dei suoi piani. “La cooperazione nel campo delle vaccinazioni” rappresenta una “nuova direzione” della politica estera, scrive il Gobal Times, mentre 6 dei 17 paesi partecipanti al summit “hanno già acquistato” o “espresso interesse” per i vaccini cinesi.

E qui si sono mostrati i due principali pilastri della Cina in Europa: l’Ungheria (un membro dell’UE) ha acquistato 5 milioni di dosi (con una popolazione di 10 milioni) e la Serbia (non un membro dell’UE) ha acquisito 1,5 milioni (con 5 milioni di abitanti).

Se qualcuno aveva dei dubbi sul ruolo geopolitico del vaccino in questa pandemia, questa sembra esserne un’ottima prova.

Con l’avvicinarsi del vertice, Pechino ha dovuto affrontare nuove sfide. La Lituania e l’Estonia hanno fatto marcia indietro e hanno annunciato che sarebbero state rappresentate a livello ministeriale, cioè senza la partecipazione del presidente o del primo ministro.

A loro si è aggiunta la Lettonia. Le tre repubbliche baltiche hanno concordato una tale posizione con Parigi durante una visita dei loro ministri degli esteri a fine gennaio. Con la Cina, “è meglio negoziare a 27, non 17”, dice una fonte diplomatica baltica.

La Romania ha seguito la stessa linea, dove il governo liberale salito al potere alla fine del 2019 ha preso le distanze da Pechino e si è avvicinato a Washington e Bruxelles. È stata seguita da Slovenia e Bulgaria.

All’inizio di febbraio, il primo ministro slovacco Igor Matovic ha dichiarato in un’intervista a Le Monde che non avrebbe partecipato al vertice 17 + 1: “Andrà uno dei miei ministri”.

Secondo Matovic, è preferibile “negoziare con la Cina come unione europea, e non lasciarsi dividere da tali progetti”.

Quanto alla Polonia, ha mandato il suo presidente senza batter ciglio.

Comunque sia, martedì Xi Jinping ha visto sullo schermo non uno dei ministri slovacchi, ma lo stesso Igor Matovic.

Qual è il motivo di questa svolta?

Secondo una fonte ben informata, Pechino ha caldamente consigliato a Bratislava di non nuocere al proprio futuro: chissà, forse la Slovacchia, che ha attraversato tempi così difficili a causa del coronavirus, avrà un giorno bisogno di un vaccino cinese…

Successivamente gli ambasciatori dei paesi che hanno deciso di non inviare leader al vertice, sono stati convocati al ministero degli Esteri cinese e hanno chiesto di compensare questa assenza con un videomessaggio preregistrato in modo che il leader cinese non si offendesse alla vista di una rappresentanza inferiore.

“C’era molta pressione”, ammette un diplomatico di uno di questi paesi. In sei, tuttavia, non si sono piegati.

Questa situazione riflette bene l’attuale tensione nel triangolo Cina-UE-USA: Joe Biden sta intensificando la diplomazia americana e ripristinando i legami con gli alleati, Xi Jinping non rinuncerà a un centimetro di ciò che è stato vinto sotto Trump, e l’Europa sta provando a trovare il proprio posto tra loro.

Si deduce da tutto questo, con buona pace per coloro che ancora pensano che a liberare il COVID-19 sia stato un “incidente di laboratorio”, come proprio a questa pandemia si sia subito affiancata una strategia di colonizzazione tipica dei cinesi.

Colonizzazione non certamente improvvisata, ma studiata forse anche mesi (se non anni) prima di liberare il virus, proprio per l’importanza che il fattore vaccinale ha ed avrà nel mondo da ricostruire.

Di cui la Cina vuole essere leader.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contact Us