Ti trovi qui: Home -> La lunga notte di Sofia

La lunga notte di Sofia

  •  
  • 3 min read

C’era una volta, su una collinetta, una povera capanna abitata da una fanciulla triste vestita di stracci e dal suo cane.

Il nome della fanciulla era Sofia. Fuori della capanna c’era un giardino nel quale Sofia coltivava fiori con i quali adornava la sua chioma di ricci dorati, e frutti con i quali si nutriva. Per tutto il giardino e attorno alla capanna crescevano anche delle spine che impedivano ai fiori e ai frutti di crescere rigogliosi e permettevano appena l’accesso alla capanna.

A nulla servivano gli sforzi di Sofia per liberarsi dalle spine, anzi più ne tagliava più ne spuntavano fuori, le bruciava e in pochi minuti eccole di nuovo più forti e più numerose di prima, qualsiasi tentativo sembrava inutile, sembrava che non ci fosse niente al mondo in grado di estirparle.

Una notte le spine crebbero così tanto che impedivano a Sofia di uscire dalla capanna, provò tutto il giorno a uscire ma l’unico risultato che ottenne fu quello di arrivare a sera stanca, affamata e con le mani e il viso sanguinanti.

Il suo cagnolino riuscì ad arrivare in giardino da un piccolo buco fra le spine e le portò della frutta, poi uscì nuovamente in cerca d’aiuto!

Si fece notte e Sofia si addormentò, il suo cagnolino girovagò per tutto il giorno e tutta la notte, ma non fu in grado di trovare qualcuno che capiva che voleva essere seguito, e che aveva bisogno di aiuto, quindi vinto dalla stanchezza riprese la strada di casa.

Era li lì per arrivare quando vide un nobile cavaliere su un bellissimo cavallo bianco e provò a farsi seguire da lui, ma neanche il cavaliere sembrava capirlo e si allontanava sempre più!

Ma più si allontanava più riecheggiava nelle sue orecchie il verso di quel piccolo cane, e più sentiva questo verso più gli sembrava che avesse un senso, finché non udì chiaramente: “Ti prego la mia padroncina è rimasta imprigionata nella capanna che si trova su quella collina, aiutami a liberarla!”

Il giovane e valoroso cavaliere tornò indietro al galoppo e finalmente arrivò alla capanna, sguainò la sua spada e cominciò a colpire le spine finché non riuscì a liberare l’uscio della capanna.

Entrò e trovò Sofia, gli apparì come la fanciulla più bella del mondo e se ne innamorò subito, prese lei e il suo cane e li portò al suo castello, lei ritrovò il sorriso, si sposarono e vissero per sempre felici e contenti.

Giusy P.

 

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.