Ti trovi qui: Home -> Riportato alla luce un antico fast food romano

Riportato alla luce un antico fast food romano

  •  
  • 6 min read
Thermopolium
5
(1)

I piatti potrebbero essere diversi, ma il concetto di fast food non è una novità.

Potresti pensare che il fast food sia un fenomeno puramente moderno. Ed è un po’ vero: i pasti veloci che puoi mangiare in viaggio sono diventati sempre più popolari sin dalla rivoluzione industriale.

Ma mentre hamburger e panini sono invenzioni innegabilmente moderne, il fast food di per sé non lo è. Gli abitanti delle città nel corso della storia sono stati parziali nell’afferrare qualcosa da una bancarella di cibo invece di cucinare a casa.

Per illustrare questo punto, gli archeologi hanno recentemente scavato quello che potrebbe essere il più antico fast food intatto del mondo. Questo locale alimentare di 2000 anni è stato trovato nella famosa città romana di Pompei, che fu distrutta e sepolta quando il Vesuvio eruttò nel 79 d.C.

Questo non è un ristorante in franchising, però. E’, invece, un thermopolium – letteralmente un “venditore caldo” – un tipo popolare di stand gastronomico durante il periodo dell’Impero Romano.

Gli scavi del 2019 avevano già portato alla luce parti della struttura. Tuttavia, il recupero dell’intero ristorante ci regala un’anteprima della vita dei cittadini romani.

“Oltre ad essere un altro spaccato della vita quotidiana di Pompei, le possibilità di studio di questo thermopolium sono eccezionali, perché per la prima volta è stata scavata nella sua interezza un’area di questo tipo ed è stato possibile analizza i permessi di tecnologia che di oggi “. Lo ha detto Massimo Osanna, direttore generale ad interim del Parco Archeologico di Pompei, in una dichiarazione alla stampa.

Il thermopolium era un luogo di ristoro in uso nell’antica Roma, dove era possibile acquistare e consumare bevande calde e a volte anche cibo pronto per il consumo.

Il thermopolium recentemente scavato era situato vicino a una piccola piazza, che ospitava anche una cisterna, una torre dell’acqua e una fontana. Sembra una posizione privilegiata per vendere cibo ai passanti.

Il ristorante stesso era costituito da una cornice di quercia e un bancone, su cui sono presenti diversi grandi fori circolari. Gli antichi lavoratori del fast food avrebbero messo una pentola o una ciotola in ogni buco e mantenuto il cibo caldo con carboni o un fuoco sotto di loro.

La particolarità di questo bancone, tuttavia, è che la sua vivida pittura decorativa è stata preservata sotto tutta la cenere. Sul lato più lungo del bancone c’è l’immagine di una Nereide – una ninfa marina della mitologia greca – che cavalca un cavalluccio marino attraverso le onde.

Sul lato più corto del bancone c’è un’immagine di ciò che gli archeologi presumono essere il ristorante stesso. Se questo è vero, questo potrebbe essere il primo logo o marchio registrato di un ristorante, un antico equivalente dei Golden Arches.

Inoltre, il bancone include raffigurazioni di anatre, galli e un cane al guinzaglio. Ed è proprio al di sopra di quest’ultima immagine che si legge l’iscrizione graffita «NICIA CINAEDE CACATOR» a probabile sbeffeggiamento del proprietario, che doveva forse essere un liberto d’origine greca. Grazie a questa scoperta viene così ad arricchirsi il corpus di graffiti parietali, con cui a Pompei si mettevano alla berlina maschi effeminati, dediti o no alla prostituzione.

Cosa c’è nel menu?

Ma non è solo il ristorante stesso che gli archeologi sono riusciti a scavare. Hanno anche trovato ossa e altri frammenti che rivelano che tipo di cibo serviva il locale.

Il ristorante non aveva hamburger nel menu, ma la presenza di parti di animali indica che la carne era una parte normale dei suoi piatti. In coincidenza con le illustrazioni sul bancone, in alcuni contenitori del ristorante sono state trovate ossa di anatra e di pollo.

Inoltre, gli archeologi hanno scoperto ossa di capre, maiali e pesci, insieme a gusci di lumache di terra. Sembra che i romani apprezzassero la varietà nei loro menu.

In un contenitore di argilla, noto come dolium, i ricercatori hanno trovato resti di fave. Questi fagioli non sono stati mangiati, però. I resti di vino nel piatto indicano che i fagioli erano stati macinati e aggiunti al vino per alterarne il gusto e il colore, secondo una ricetta di un antico libro di cucina romano: De re Coquinaria .

Due persone e un cane

Il ristorante ospitava anche i resti di due persone e un cane. Ma non preoccuparti, non erano resti della preparazione del cibo.

È probabile che le ossa appartengano alle sfortunate vittime dell’eruzione del Vesuvio che distrusse la città. Una delle persone era un vecchio sopra i 50 anni che al momento della sua morte giaceva su un letto all’interno della struttura. Forse il proprietario del ristorante?

Le ossa dell’altro individuo sono state trovate all’interno di uno dei piatti di dolio. Gli archeologi sospettano che qualcuno li abbia spostati, forse durante un precedente scavo non registrato.

Ma per quanto riguarda il cane? Potrebbe essere il cane di Nicia (quello del graffito), cioè quello con la cattive abitudine di fare la cacca?

Improbabile, dicono gli archeologi. Il cane nella foto è grande e muscoloso, mentre le ossa scoperte appartengono a un cane molto piccolo, alto solo nove pollici alla spalla.

Il cane da cui provenivano le ossa non era un cucciolo, però. Secondo i ricercatori, questo dimostra che i romani stavano già allevando intenzionalmente cani in razze piccole e adatte agli appartamenti.

Fast Food per ogni pasto

Il ristorante completo potrebbe essere il primo del suo genere ad essere stato ritrovato. Ma ciò non è un ritrovamento unico per una città romana come Pompei.

Gli archeologi hanno infatti scoperto, nel tempo, circa 80 ristoranti simili in tutta Pompei, sebbene ognuno sia stato più o meno danneggiato. Tuttavia, l’abbondanza di ristoranti indica una conclusione: i romani adoravano il loro fast food.

Infatti, era l’unico cibo caldo disponibile per molti cittadini romani. Il combustibile per cucinare (la legna) era costoso e, a differenza di oggi, avere un appartamento o una casa con cucina era un lusso.

Poiché la maggior parte delle persone non aveva i mezzi per cucinare i propri pasti, la loro alimentazione dipendeva dai ristoranti. I documenti archeologici mostrano che le taverne, le locande e i termopoli come quello di Pompei erano estremamente popolari tra i romani.

In conclusione, non sembra molto diverso dai tempi moderni. Chiaramente con la differenza che, se un tempo era una necessità, adesso è un lusso (mensa dei poveri a parte).

Quindi, chi avrebbe mai pensato che il fast food fosse una tradizione millenaria e che, alla fin fine, McDonalds ha solo scoperto l’acqua calda?

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Vota per primo questo post.

(Visited 3 times, 1 visits today)
Spread the love :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.