Ti trovi qui: Home -> Brevi notizie sui gitani

Brevi notizie sui gitani

  •  
  • 3 min read
0
(0)

Quale sia il luogo d’origine del popolo zingaro (ammesso che gli zingari provengano da un unico luogo) è una questione a lungo dibattuta.

La maggior parte degli studiosi ritiene essere una regione situata tra India e Pakistan attuali, che verso l’anno mille abbandonarono per sfuggire alle devastanti invasioni di Mahmud di Ghazni.

Il principale argomento di tale tesi, comunque variamente circostanziata, è la derivazione indiana della loro lingua.

Non è tuttavia chiaro se la regione indiana sia stata il luogo di origine primitivo della cultura zingara oppure piuttosto una tappa intermedia di una migrazione più complessa, dal momento che tale cultura risulta radicalmente diversa da quelle dell’area indiana.

Si suppone quindi che debba avere una più antica origine allogena, ancora non identificata, portata da un misterioso popolo ivi migrato e successivamente mescolatosi con stirpi locali e indianizzato nel linguaggio.

La prima testimonianza scritta della presenza delle popolazioni romaní viene da un monaco georgiano, George Hucesmonazoni, del Monastero Iviron, sul monte Athos.

In questo scritto viene raccontato un episodio avvenuto nel 1054, durante il regno di Costantino IX Monomaco, nel quale viene utilizzato il termine “atsincani”.

L’origine della setta degli Athinganoi non è stata ancora datata per certa e di conseguenza non ci sono elementi per pensare che si trattasse di precursori dell’esodo delle popolazioni rom.

Si ritiene che i primi immigrati di etnia rom e sinti siano arrivati in Italia nel 1392 come conseguenza della battaglia del Kosovo fra le armate ottomane e quelle serbo-cristiane: con la vittoria delle prime, si affermò l’influenza islamica nei Balcani.

Nei secoli successivi la presenza si consolida in tutto il mondo. Rom, Sinti, Kalé e Romanichals arriveranno ai nostri giorni superando persecuzioni di ogni genere: arresti di massa in Spagna nel XVIII secolo, la schiavitù in Romania (abolita solamente dopo il 1850), i campi di concentramento nazisti ed i sentimenti xenofobi sviluppatisi nell’epoca attuale.

Sebbene non esista uno schema generale della struttura sociale valido per tutte le etnie, si può affermare che fra gli zingari non esistano le classi sociali come si intendono comunemente.

Le uniche distinzioni all’interno delle comunità sono quella tra i sessi (maschi – femmine) e quella basata sull’età (giovane – anziano). Dedite al lavoro sono generalmente le donne.

La popolazione romaní normalmente adotta la religione praticata dalle popolazioni fra cui vivono.

I rom ed i sinti hanno la visione mitica di un mondo diviso tra forze oscure e contrarie, benefiche o malefiche, in perpetua lotta.

Le due forze sono Dio e il diavolo. Dio creatore, principio del bene e il diavolo, principio del male, sono ambedue potenti e in lotta tra loro. In Italia la popolazione zingara nel 2007 ammontava a circa 200.000 persone, di etnia rom e sinti.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Vota per primo questo post.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.