Ti trovi qui: Home -> Come organizzare il frigorifero..

Come organizzare il frigorifero..

  •  
  • 2 min read
5
(1)

Il frigorifero è un elettrodomestico indispensabile per la conservazione dei cibi.

A temperatura ambiente, infatti gli alimenti, soprattutto se freschi, si deteriorano con rapidità a causa del proliferare dei batteri presenti nell’aria e nei cibi stessi.

Il freddo rallenta questo processo per alcuni giorni, anche se non impedisce il proliferare dei microorganismi.

Poichè la temperatura, all’interno del frigorifero, non è omogenea, cerchiamo di capire dove si devono sistemare i vari alimenti, per essere sicuri che si conservino il più a lungo possibile.

La temperatura varia da +2 a +3 gradi (zona fredda); da +4 a +5 gradi (zona temperata); da +6 a +8 (zona meno fredda).

I frigoriferi sono anche provvisti di un settore per conservare i cibi surgelati (freezer) che va da -6 a -18 gradi, a seconda dei modelli, o adatto alla congelazione domestica (congelatore), da -24 a -30 gradi.

La disposizione varia ed è indicata sulle istruzioni fornite con l’elettrodomestico.

I cibi vanno riposti in frigo protetti (carta d’alluminio, pellicola trasparente, vetro, ecc.), per evitare il contatto con altri alimenti, la disidratazione e per impedire che l’odore di alcuni si trasferisca ad altri.

Nella zona MENO FREDDA

sono posizionati anche i cassetti per la frutta e le verdure e vi vanno riposti i formaggi e i salumi stagionati; frutta e verdure; mentre yogurt e burro si conservano nella porta del frigorifero corrispondente a questa zona, fino alla data di scadenza.

Nella zona TEMPERATA

vanno riposti latte e uova; formaggi freschi e salumi affettati; conserve, marmellate e maionese.

Infine, nella zona PIU’ FREDDA

si ripongono gli alimenti più facilmente deperibili, carni, pollami; pesce e cibi cotti; acqua, bibite, succhi di frutta.

Nel vano congelatore o “freezer” vanno posti quegli alimenti che si desidera congelare da sè: carne, pesce, verdure (anche per un anno) o alimenti già surgelati che garantiscono l’inalterabilità del prodotto e bloccano la riproduzione dei batteri.

Una volta scongelato un cibo non va ricongelato: durante il processo di scongelamento, infatti, i batteri ricominciano a riprodursi.

Per una corretta manutenzione occorre sbrinare il frigo periodicamente (alcuni modelli eseguono questa operazione in modo automatico) ed eseguire una pulizia periodica (almeno una volta al mese o più, se necessario) con acqua e aceto o acqua e bicarbonato.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Vota per primo questo post.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)