Categories Alimentazione

Etichette alimentari

Leggi sempre le etichette alimentari dei prodotti  che acquisti e il cartello degli ingredienti esposto negli esercizi pubblici.

E’ la regola numero uno per far capire che oggi ad occhi chiusi non si deve comprare più nulla.

I produttori hanno l’obbligo di scrivere, innanzi tutto, che cosa c’è nella confezione, ad esempio “confettura” o “maionese”, di indicare tutti gli ingredienti, il peso, il luogo e la ditta produttrice, la data di durabilità o di scadenza e, quando occorre, le modalità di conservazione e preparazione.

Inoltre, secondo le indicazioni di una Direttiva europea, le etichette possono riportare una tabella nella quale è indicato (in kilocalorie) il valore energetico dell’alimento.

L’informazione è molto utile per conoscere esattamente quante calorie forniscono 100 grammi del prodotto.

Nella stessa tabella è indicata anche la quantità dei principali nutrienti contenuti nel prodotto, ad esempio: proteine, carboidrati, grassi, fibre, vitamine e sali minerali.

Tutte queste informazioni devono essere anche in lingua italiana.

In sostanza, l’etichetta degli alimenti e il cartello degli ingredienti esposto negli esercizi pubblici (bar, gastronomie, ecc.) sono una preziosa guida per consumare il prodotto in maniera corretta, per conoscerne il valore nutritivo e per non correre rischi alimentari.

Altri articoli nella categoria Alimentazione.

L’immagine in evidenza è stata fornita da agricultura.it dove troverai le iniziative intraprese in proposito di etichette alimentari.

More From Author

Allarme inquinamento ambientale
Categories Attualità

I principali pericoli che minacciano il clima italiano

San Valentino 2024
Categories Attualità

La violenza domestica aumenta a San Valentino

bambini abbandonati in Russia
Categories Attualità

Offrire una nuova speranza ai bambini abbandonati in Russia

You May Also Like

Vini Netum

Netum – un prodotto enologico di eccellenza

Il vino fa male?

Il vino fa male?

Obesità e disturbi sono correlati2

Obesità e disturbi sono correlati? Seconda parte

Obesità e disturbi sono correlati?

Obesità e disturbi sono correlati? Prima parte