Ti trovi qui: Home -> Vespe velenose

Vespe velenose

  •  
  • 3 min read
Vespe velenose
0
(0)

La causa sarebbe un virus! Pare infatti che frammenti di un virus antichissimo, che risale a 100 milioni di anni fa, sono il segreto che rende ancora così pericoloso il pungiglione di alcune specie di vespe. Lo rivela una ricerca europea pubblicata su SCIENCE. La ricerca potrebbe aprire la via a nuove tecniche di terapia genica.

Le vespe formano un’enorme varietà di insetti, con circa 30.000 specie identificate. Abbiamo più familiarità con quelli che sono avvolti in vivaci colori di avvertimento – quelli che ronzano rabbiosamente in gruppi e ci minacciano con punture dolorose.

Ma la maggior parte delle vespe sono in realtà varietà solitarie e non pungenti. E tutti fanno molto di più per gli esseri umani controllando le popolazioni di insetti nocivi che i danni.

Differenze dalle api

Le vespe si distinguono dalle api per i loro addominali inferiori appuntiti e la stretta “vita”, detta picciolo, che separa l’addome dal torace.

Si presentano in tutti i colori immaginabili, dal familiare giallo al marrone, blu metallizzato e rosso brillante. Generalmente, le specie di colore più luminoso sono nella famiglia Vespidae o pungente.

Tutte le vespe costruiscono nidi. Mentre le api secernono una sostanza cerosa per costruire i loro nidi, le vespe creano le loro familiari dimore di carta dalle fibre di legno raschiate con le loro mandibole dure e masticate in una polpa.

Vespe sociali vs. solitarie

Le vespe sono divise in due sottogruppi primari: sociale e solitario. Le vespe sociali rappresentano solo circa un migliaio di specie e comprendono formidabili costruttori di colonie, come giacche gialle e calabroni .

Le colonie di vespe sociali vengono avviate da zero ogni primavera da una regina fecondata l’anno precedente e sopravvissuta all’inverno in letargo in un luogo caldo. Quando emerge, costruisce un piccolo nido e alleva una nidiata di femmine lavoratrici. Questi operai assumono quindi l’espansione del nido, costruendo più celle a sei facce in cui la regina depone continuamente le uova. Entro la fine dell’estate, una colonia può avere più di 5.000 individui, tutti i quali, compresa la regina fondatrice, muoiono in inverno. Solo le regine appena fertilizzate sopravvivono al freddo per riavviare il processo in primavera.

Le vespe solitarie, di gran lunga il più grande sottogruppo, non formano colonie. Questo gruppo include alcuni dei membri più grandi della famiglia delle vespe, come gli assassini di cicala e gli impressionanti falchi di tarantola blu e arancione, che possono raggiungere entrambi 1,5 pollici di lunghezza. Mentre le vespe sociali usano i loro pungiglioni solo per difendersi, le vespe solitarie pungono si basano sul loro veleno per cacciare.

La paura delle vespe

La maggior parte degli animali ha sviluppato una ben meritata paura di pungere le vespe e dare loro un ampio ancoraggio. Le creature che sfortunatamente inciampano in una colonia di vespe o hanno l’audacia di disturbare un nido si troveranno rapidamente sciamate. Una vespa sociale in pericolo emette un feromone che manda i membri della colonia nelle vicinanze in una frenesia difensiva e pungente. A differenza delle api, le vespe possono pungere ripetutamente. Solo le femmine hanno i pungiglioni, che in realtà sono organi di deposizione delle uova modificati.

Impatto sull’ecosistema

Nonostante la paura che a volte evocano, le vespe sono estremamente utili per l’uomo. Quasi ogni insetto sulla terra è predato da una specie di vespa, sia per il cibo che come ospite per le sue larve parassite. Le vespe sono così abili nel controllare le popolazioni di parassiti che l’industria agricola ora le distribuisce regolarmente per proteggere le colture.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Vota per primo questo post.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)