Ti trovi qui: Home -> Riscaldamento a pellet e caldaie a biomassa

Riscaldamento a pellet e caldaie a biomassa

  •  
  • 3 min read
riscaldamento pellet
0
(0)

Quando si parla di riscaldamento bisogna prestare particolare attenzione a due elementi in particolare: i consumi che un impianto può comportare, con un conseguente notevole dispendio economico, e l’impatto che il nostro impianto può avere sull’ambiente.

Nella scelta della caldaia o impianto di riscaldamento idoneo, dunque, dovremo tenere conto anche di queste variabili, oltre che di altri fattori.

Una delle soluzioni che maggiormente sembra venire incontro all’esigenza di risparmiare e di ridurre l’impatto ambientale è rappresentata dalle caldaie a biomassa, e a pellet in particolare, che negli ultimi anni sono state protagoniste di una forte espansione.

Ma cosa sono le caldaie a biomassa? E in cosa si differenziano da altri tipi di impianti di riscaldamento?

Occorre iniziare con una definizione del termine biomassa, che sta ad indicare quei materiali di origine animale o vegetale che non hanno subito un processo di fossilizzazione:

tra questi, i più utilizzati sono la legna a ciocchi, gli scarti cerealicoli e trito vegetale solido, il nocciolame secco tritato, il cippato (ossia legno ridotto in scaglie e caratterizzato da un alto potere calorifico e da una rapida combustione) e il pellet.

Il pellet, probabilmente uno dei materiali che negli ultimi tempi ha conosciuto una maggiore diffusione nel settore delle caldaie, è costituito da pastiglie di legno macinato e poi pressato in forma di cubetti.

Tra i vantaggi del riscaldamento a pellet, un’elevata resa calorica e poco ingombro rispetto ad altri tipi di materiali.

Le caldaie a pellet costituiscono però solo una delle tipologie di caldaie a biomassa, categoria generica che include anche le caldaie a cippato e le caldaie a legna.

Questi ultimi due tipi di caldaie, rispetto alle caldaie a pellet, possono presentare lo svantaggio dell’utilizzo di materiale più ingombrante e reperibile con minor semplicità.

Le caldaie a cippato, infatti, sono particolarmente adatte ai grandi consumatori che hanno la possibilità di stoccare quantità molto elevate di combustibile, mentre le caldaie a legna sono indicate se si possiede della legna propria o comunque lo spazio necessario per conservarla.

Se lo spazio a disposizione non è molto, e quindi nel caso di appartamenti o abitazioni “standard”, la scelta migliore è costituita da una caldaia a pellet.

Per quanto riguarda il risparmio energetico, le caldaie a biomassa permettono di risparmiare fra il 20 e il 50% rispetto ad altri tipi di impianti a gas metano e gasolio.

È utile inoltre sottolineare che usare caldaie a biomassa permette di svincolarsi dall’utilizzo di fonti non rinnovabili.

Per quanto riguarda il fattore “ecologico”, una stufa a pellet, in particolare, è da preferire ad altri tipi di impianti innanzitutto perché non vengono abbattuti alberi per alimentarla (il pellet deriva infatti dalla lavorazione degli scarti del legname) e in generale inquina meno di altri tipi di combustibili.

Il costo dell’installazione di un impianto a pellet varia a seconda del tipo di caldaia che scegliamo, ma in ogni caso, grazie al risparmio a lungo termine sui consumi e agli incentivi varati dal Governo, l’installazione di una caldaia a biomassa può considerarsi vantaggiosa anche da un punto di vista economico.

Informazioni sull’Autore

Articolo a cura di Francesca Tessarollo
Prima Posizione Srl – web marketing agency

Fonte: Article-Marketing.it

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Vota per primo questo post.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Spread the love :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.